Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.606
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

E' caccia al private banker stipendi d'oro ai professionisti
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 9 gennaio 2017

Le società più attive sono le reti di consulenza; il territorio preferito per la caccia è il Nord-Est. Il nuovo anno si apre così come si era chiuso il 2016, con i player del private banking che si contendono a colpi di rialzi i migliori professionisti sul mercato. Il settore è reduce da un biennio di trasformazione, ricorda Bruno Zanaboni, segretario generale dell'associazione di settore Aipb. «Il fenomeno che ha maggiormente influenzato questa rivoluzione è stato il cambio di perimetro, cioè i nuovi flussi in entrata nel settore». È successo che diversi gruppi bancari hanno deciso di accelerare su questo segmento di business, che non assorbe capitale, presenta pochi rischi e offre una redditività mediamente superiore rispetto alle altre attività. L'ultima ad annunciare la svolta è stata Mediobanca, con il piano presentato a metà novembre che prevede di arrivare al 2019 con un'incidenza del wealth management nella misura del 40% per quel che concerne le commissioni (oggi sono al 21%) e del 15% sul versante dell'utile operativo (oggi è al 7%). Altri si sono già mossi da tempo su questa strada, come il gruppo Intesa Sanpaolo che ha dato vita oltre un anno fa a Fideuram Intesa San Paolo Private banking, un polo unico che raccoglie sotto di sé una serie di società che prima operavano in modo indipendente. Il primo semestre del leader del mercato nazionale si è chiuso con masse amministrate per 188,2 miliardi di euro e al 30 settembre il numero complessivo di private banker e consulenti finanziari del gruppo è risultato di 5.879 unità (+33 rispetto al 31 dicembre 2015). Mentre in casa Unicredit ha da poco ricevuto l'autorizzazione a operare Cordusio Sim, specializzata sulla clientela più facoltosa (oltre i 5 milioni di euro). «Alla metà del 2016 il numero dei private banker ha raggiunto quota 12.129, più del doppio rispetto ai 5.534 censiti due anni prima». Di pari passo sono mutati i pesi delle diverse formule contrattuali, con i banker che operano come agenti passati in 24 mesi dal 14% al 50% del totale, tanti quanti i dipendenti. «Anche quest'anno c'è da attendersi una campagna molto intensa di reclutamenti», spiega Marco Mazzoni, presidente della società di consulenza Magstat. «Con la ricchezza nazionale che fatica a crescere, i nuovi clienti sono molto pochi. Così le società che vogliono crescere non hanno altra strada che reclutare i professionisti più affermati». Mazzoni sottolinea che i soggetti più attivi «restano le reti, che tramite gli arrivi dei banker rispondono ai cambiamenti organizzativi delle grandi banche». Quanto ai territori che registrano i maggiori cambi di casacca, l'esperto sottolinea che «non ci sono regioni immuni dal fenomeno, ma sicuramente lo scenario nel Nord-Est è più vivace che altrove, con molti operatori che corteggiano i professionisti delle banche in crisi». I passaggi da una struttura all'altra di solito arrivano dietro lauti compensi. «Il giro di portafoglio può andare dal 2 al 3% in caso di patrimonio gestito e intorno al 2% per l'amministrato», aggiunge Mazzoni. Le parole dei player del settore confermano la volontà di proseguire sulla strada dei reclutamenti. «Siamo un polo attrattivo per i professionisti che desiderano lavorare in un ambiente dinamico, aperto al cambiamento e fatto da teste pensanti, che non vogliono sentirsi un numero», rivendica Paolo Martini, ad di Azimut Capital Management e co-dg di Azimut Holding. «Questi elementi ci hanno permesso di registrare 134 nuovi ingressi nel corso del 2016, di cui 17 nella divisione Azimut Wealth Management». Tra gli ingressi di maggior peso, Piera Di Pietro, Bruna Annibaldi e Lucia Zigante sono arrivati da Credit Suisse Italy, Giorgio Angiolini da Banca Intermobiliare. «Per il 2017 ci aspettiamo di continuare a crescere con lo stesso ritmo di quest'anno mantenendo sempre un rapporto equilibrato tra sviluppo organico e attività di reclutamento», aggiunge Martini. Lavora a nuovi arrivi anche Banca Generali, al primo posto nella classifica Assoreti per il peso dei portafogli medi dei propri consulenti (25 milioni ciascuno contro una media del comparto di 14 milioni circa). Dei nuovi flussi, il 60% risulta dal lavoro della struttura esistente e il restante 40% arriva dai nuovi professionisti entrati nella società. Abbiamo chiuso il 2016 con il record di tutti i tempi, superando quota 130 ingressi», racconta il direttore commerciale Marco Bernardi. In termini di aree, gli inserimenti hanno visto una salita a doppia cifra in tutte le principali zone del Paese, segno di un rafforzamento complessivo. Tra i nomi più noti entrati nella struttura, Paolo Balice proveniente da Azimut. Punta a crescere ancora, pur su dimensioni più contenute, Banca Finnat, come racconta il direttore commerciale Carlo Angelo Pittatore. «Nella scelta guardiamo l'ampiezza delle competenze e l'orizzonte a medio termine che permette di seguire il cliente nella complessità delle sue esigenze». Il 2016 si è chiuso con tre nuovi arrivi (e nessun addio), tra cui Paola Cubeddu, proveniente da Intesa Sanpaolo. «Il programma per il 2017 è di sette ulteriori ingressi su Roma e su Milano», conclude.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
La crisi e i bancari ecco le competenze che hanno un futuro
Il ragno della finanza
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Il riciclaggio adesso diversifica
Risk management, le aziende si attrezzano
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
«Sui derivati nuovi rischi per gli istituti di credito»
Mps, il soccorso della finanza globale. Vince JP Morgan, la...
Il commercialista non basta più, Pmi alla ricerca di...
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
Pmi in salute minacciate dalle crisi internazionali
Manager, un altro calo: meno 4.400 nel 2015
Arriva il rating per le Pmi, il governo studia un nuovo...
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Banche, tutti i numeri di un problema europeo
Popolare di Vicenza, nulli tutti i finanziamenti «baciati»
Maxibonus ai manager: il tetto francese e i numeri italiani
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Perché ai manager italiani non piace il lavoro a distanza
Sindaci revisori al test di qualità
Falso in bilancio anche per le stime
Deposito dei bilanci in formato elettronico, online il...
Le tangenti fanno vincere le gare, cresce il fatturato ma...
Consiglio di Stato: per il procedimento sanzionatorio...
Ora gli avvocati vanno a cercare nuovi business per le...
Via alle bad bank private, per smaltire le sofferenze...
Al robot sopravviveranno artigiani e geni informatici
Così il promotore diventa consulente finanziario: «Più...
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Scambi fra colleghi e idee per i capi: il boom delle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)