Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Borse, è la festa più lunga. Gli Usa macinano record e snobbano i nuovi rischi
di Federico Rampini
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 4 dicembre 2017

La festa continua. Se qualcuno ha l'intenzione di fischiare la fine della ricreazione, ancora non si è manifestato. Siamo forse "noi" gli uccelli del malaugurio, non abbiamo capito nulla, abbiamo perso il contatto col mondo reale? Il dubbio deve assalire il giornalista che si ostina a descrivere un mondo impazzito, che segnala bolle speculative a destra e a manca, per poi essere regolarmente smentito dall'andamento dei mercati.
Ed anche dell'economia reale. Non basta il canto del cigno di un politico pessimista come Wolfgang Schaeuble a cambiare il quadro. Magari un giorno si scoprirà che aveva ragione lui, e quindi avevamo ragione pure noi. Ma il tempo passa ed è almeno da un anno e mezzo che abbiamo torto. Da quando ospitammo – non necessariamente a nostra firma, ma non importa – fior di scenari apocalittici sul dopo-Brexit e dopo-Trump. Crolli dei mercati, panico, avvitamento dell'economia globale in una spirale recessiva da protezionismi.
Tutte balle, ex post, bisogna riconoscerlo. Cominciamo dall'America perché è il caso più eclatante. Sarà pure inseguito dagli inquirenti sul Russiagate o dalle sconfitte in politica estera (la Corea del Nord che lo beffa; Siria, Turchia, Egitto che ricompongono una sfera d'influenza russa) ma c'è chi ha fiducia in Trump: gli investitori. I record di Borsa si sono susseguiti di mese in mese al punto da non fare quasi più notizia. La scorsa settimana ci siamo lasciati alle spalle anche la soglia dei 24.000 punti sull'indice Dow Jones. È l'altra faccia di questo 2017, impossibile da ignorare. Da una parte un governo che sembra affondare negli scandali, perde pezzi in continuazione, dà un'immagine caotica, con un presidente che continua a coltivare un'immagine estremista. Dall'altra l'euforìa delle Borse, che su di lui scommettono senza esitazioni dal giorno della sua elezione. C'è una logica: dopo la deregulation, anche la riforma fiscale che i repubblicani stanno cucinando al Congresso è un regalo alle imprese come non lo si vedeva dai tempi di Reagan. Da ricordare poi che questo boom trumpiano non riguarda solo la sfera della finanza, anche l'economia reale ne beneficia visto che la velocità di crescita del Pil a +3,3% è in accelerazione. Molte le spiegazioni, e parte del merito va ancora ad Obama: ma questo boom dura abbastanza perché Trump lo faccia suo. Questo accentua l'immagine schizofrenica di un'America che sembra perdere credibilità nel mondo intero... salvo tra chi ha capitali da scommettere su di lei. E' un tema sul quale bisogna soffermarsi, con tutte le chiavi di lettura possibili. Da una parte la crisi del 2008 ci ha insegnato che i mercati non sono infallibili, anzi l'istinto del gregge può spingerli verso disastri tremendi, e potremmo essere alla vigilia di uno di quelli. D'altra parte è possibile invece che i mercati abbiano riscoperto un'antica verità che noi non vogliamo vedere: la lotta di classe è rinata, e i ricchi la stravincono. Prima di tornare su questo punto, conviene fare un giro del mondo delle possibili bolle speculative. Dicevo di Schaeuble, il longevo ministro delle finanze tedesco che si congeda con un avvertimento cupo. Schaeuble ha unito la sua voce a un coro – minoritario ma consistente anche qui negli Stati Uniti – di conservatori pessimisti. Sono quelli convinti che siamo in una gigantesca e pericolosissima bolla creata dalle banche centrali, che con il loro "quantitative easing" hanno completamente falsato il mercato. La spiegazione ha una solida logica. Dal punto di vista macro, viviamo in un mondo inondato di liquidità dopo anni di acquisti di bond. Dal punto di vista micro, ogni singolo risparmiatore che dialoga con un consulente finanziario si sente proporre la stessa alternativa in base alla quale si muovono grandi flussi di capitali: se la sicurezza dei buoni del Tesoro significa accettare rendimenti microscopici, perché non salire sulla locomotiva delle Borse in cerca di affari migliori? È un clima nel quale la percezione del rischio può essere obnubilata, e molti forse hanno abbassato la guardia in modo allarmante. Dal Sole-24 Ore prendo la segnalazione che in preda all'euforia da mercati nessuno si protegge con Credit default Swap. Il Sole fa l'esempio di un'emissione obbligazionaria nigeriana andata a ruba, mentre i terroristi di Boko Haram facevano strage di militari, segno di una ingordigia crescente. Potrei aggiungere tra i segnali di follia la corsa ai Bitcoin, pur sapendo che questo riempirà d'insulti la mia casella di e-mail... Mi sposto verso un'area molto più centrale nei destini dell'economia globale: la Cina. È lì che abbiamo visto l'epicentro dell'ultima "potenziale" crisi finanziaria. Tra l'estate 2015 e il gennaio 2016 il mondo intero ha tremato per alcuni scossoni che venivano dalla Cina: un principio di svalutazione del renminbi, fughe di capitali, cadute delle Borse. Ma la potenziale crisi non si è poi realizzata, l'allarme è rientrato. Ancora una volta per un intervento dall'alto: il dirigismo di Xi Jinping ha raddrizzato la situazione. Così come da noi si può sostenere che c'è un'euforia artificiale creata dalle banche centrali, in Cina c'è un senso di sicurezza che è frutto di un robusto intervento pubblico. L'una e l'altra situazione possono nascondere elementi di fragilità. Nel caso della Cina sono ben noti: sistema bancario malato e altissimo debito pubblico (300% del Pil, altro che Italia). Correttezza impone però di ricordare questo: è da quando facevo il corrispondente a Pechino (2004-2009) che sento pronosticare il tracollo imminente del sistema bancario cinese. Un giorno magari accadrà, per adesso le Cassandre hanno avuto torto e di conseguenza hanno anche lasciato scappare un bel po' di opportunità d'investimento. Ritorno quindi al centro del sistema, l'America, e al tema della lotta di classe. Perché di questo si tratta. La manovra fiscale repubblicana è un ennesimo, gigantesco regalo alle imprese. Viene spacciata come pro-crescita all'elettore medio di Trump – operaio metalmeccanico del Michigan, per esempio – con la riproposizione della reaganomics: se le imprese sono più ricche investiranno, assumeranno, alzeranno i salari. Sappiamo in realtà che da anni le imprese americane galleggiano su profitti record, mentre i salari ristagnano. E' proprio dai tempi di Reagan, inizio anni Ottanta, che la distribuzione del reddito si è spostata durevolmente e significativamente a favore dei profitti e della rendita finanziaria, penalizzando chi vive di stipendi e impoverendo il ceto medio. La crescita delle diseguaglianze è stata individuata come una delle cause della "stagnazione secolare". Ma esiste una contro-narrazione, che in Europa è un po' più flebile, in America è assai vociferante. Basta frequentare un po' di convegni bancari qui a New York, che dopotutto rimane la capitale globale della finanza, per incontrare questo paradigma alternativo. E' un mondo arci-convinto che i ricchi debbano diventare ancora più ricchi, così elargiranno a tutti la benedizione di una crescita perpetua. Se da New York ci si sposta nella Silicon Valley californiana, il paradigma viene sussurrato con un po' più d'imbarazzo perché nessuno vuole passare per trumpiano, però la sostanza del modello è identica. Le diseguaglianze sono un falso problema, bisogna ridare piena libertà di manovra agli imprenditori perché sono il motore della crescita. Alle Borse "questa" lotta di classe piace tantissimo, e avanti così, finché dura.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Troppi lacci frenano il credito in Europa
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Il factoring corre più veloce della ripresa
Regole e capitale, così il credito si allontana dalle Pmi...
I giovani bocciano la formazione scolastica
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
«Non abbiate paura di sbagliare il coraggio premia gli...
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
Fari puntati sulla responsabilità
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Consulenti finanziari autonomi al via
Pagamento in contanti: quando si rischia
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
La valenza politica della risorsa risparmio, in cerca di...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)