Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Bisogna addolcire gli standard di Basilea 3
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 27 giugno 2011

«I nuovi standard di Basilea 3 potrebbero comportare nel breve termine una revisione al ribasso della crescita del credito. Se così fosse, potrebbe determinarsi un effetto negativo rilevante sulle Pmi europee, e italiane soprattutto, che sono estremamente dipendenti dal credito bancario». Non si è nascosto dietro un dito la scorsa settimana Giuseppe Mussari, presidente dell'Abi, nel corso di un'audizione al Senato in commissione industria nell'ambito di un'indagine conoscitiva sull'accesso al credito e sugli strumenti di finanziamento delle imprese, con particolare riguardo alle Pmi. Il problema del credito per le piccole e medie imprese esiste, eccome. «Considerato che le Pmi - ha aggiunto Mussari - sono meno rischiose delle imprese di maggiori dimensioni poiché caratterizzate da una minore asset correlation, l'Abi, d'intesa con le principali associazioni imprenditoriali di categoria (Alleanza delle cooperative italiane, Confindustria, Rete Imprese Italia), ha avanzato una proposta relativa all'introduzione di un moltiplicatore (il "pmi supporting factor") da applicare nel calcolo dei risk weighted asset per i prestiti alle pmi, tale da compensare l'incremento quantitativo del requisito patrimoniale minimo». In parole povere, si tratterebbe di introdurre un fattore correttivo in grado di evitare che proprio le imprese più bisognose di credito bancario vengano penalizzate dai nuovi, più stringenti criteri di Basilea 3. Negli anni di crisi, comunque - ha ricordato Mussari - non vi è stato alcun fenomeno di credit crunch per l'Italia, «la cui situazione è peraltro migliore di quella registrata in molti altri stati membri dell'unione europea. Allo stesso tempo siamo consapevoli che i dati macro ed aggregati possono nascondere particolari situazioni di crisi. Non sono, comunque, mai mancati - ha sottolineato il presidente dell'Abi - nel biennio 2008-2009, anni contraddistinti da una contrazione del Pil di oltre 6 punti percentuali, i finanziamenti bancari alle imprese, che hanno segnato un tasso di crescita medio del periodo di oltre il 6%». La novità di questi ultimi tempi è stata la creazione di "fronte comune" fra banche e associazioni imprenditoriali. Un fatto abbastanza insolito, visto che queste ultime entità sono sempre state contrapposte agli istituti di credito. «Ci stiamo muovendo tutti insieme - dice Claudio Giovine, responsabile dipartimento Politiche industriali della Cna, la principale confederazione delle imprese artigiane - perché c'è un rischio concreto che con Basilea 3 il credito alle imprese più piccole venga ridotto, e questo farebbe male all'intero sistema paese, visto che l'Italia ha una quota di microimprese più alta di quella di qualsiasi altro paese europeo». Le banche e le confederazioni imprenditoriali italiane stanno cercando alleanze a livello europeo per convincere la Commissione ad accettare il correttivo che non metta fuori gioco le piccole e medie imprese: «Già stiamo correndo il rischio che i tassi salgano - dice Giovine - Se poi dovessero anche scendere i volumi di finanziamenti erogati alle Pmi, allora sarebbe davvero un guaio. Va chiarito che non vogliamo assolutamente bloccare i criteri di Basilea 3, vogliamo solo evitare che a pagarne le conseguenze siano soprattutto le imprese più piccole e meno strutturate. Quelle che, comunque, rappresentano un rischio minore per le banche». Banche e imprese italiane cercheranno di portare a livello di Commissione europea l'idea che la crisi finanziaria non è stata in effetti generata dagli istituti di credito commerciale bensì dalle banche d'investimento. Non è giusto, quindi, che a pagare siano proprio le banche che sostengono l'economia reale.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)