Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.606
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 3 aprile 2017

L'Italia è chiamata a darsi una mossa per affrontare il problema dei ritardi nei pagamenti. Non ha usato esattamente questi termini, ma l'invito rivolto nelle scorse settimane al nostro Paese dalla Commissaria europea al mercato interno, all'industria e alle Pmi, Elzbieta Bienkowska, è stato chiarissimo. E ora tocca al governo Gentiloni offrire risposte adeguate per evitare la procedura di infrazione che potrebbe costarci una multa salata. Sul fronte dei pagamenti pubblici molto è stato fatto negli ultimi tre anni, con stanziamenti per 43,7 miliardi di euro destinati a ridurre lo stock, ma nuovi debiti si sono nel frattempo creati e su questo versante non esiste una stima aggiornata. La pubblica amministrazione italiana, secondo l'ultimo report di Intrum Justitia, impiega mediamente 131 giorni per pagare i propri fornitori e questo crea effetti a cascata. L'impresa di pulizie o di costruzioni che ottiene l'appalto dal Comune o dalla Regione, non solo deve trovare in via anticipata i fondi per comprare i materiali necessari a effettuare i lavori (e spesso deve fare i conti con la resistenza degli sportelli ai finanziamenti), ma è anche chiamata a pagare gli stipendi ai suoi dipendenti e saldare a sua volta i fornitori. Se la Pa non paga per tempo, i ritardi si accumulano per tutti e qualcuno può arrivare fino al punto di trovarsi in tale difficoltà nel finanziamento del circolante da dover portare i libri in tribunale non per colpa propria. Eppure, ricorda la Commissione Ue, le direttive comunitarie impongono al settore pubblico di pagare i beni e i servizi acquistati entro 30 giorni o, in casi eccezionali, entro 60 giorni. Lo studio di Intrum Justitia sottolinea che una maggiore puntualità nei pagamenti avrebbe un impatto positivo sul fronte occupazionale: in Europa il 33% delle aziende (circa 7,7 milioni) sostiene che potrebbe assumere più personale se fosse pagata più velocemente. In Italia la quota è del 28%, pari ad oltre un milione di imprese. Senza dimenticare che il problema riguarda spesso anche i pagamenti tra le stesse aziende e non è riconducibile solo alle inefficienze del pubblico. In proposito va comunque segnalato che lo scenario è in migliorato. L'ultima rilevazione di Cerved, relativa al consuntivo del terzo trimestre 2016, segnala che i ritardi nei pagamenti sono scesi di due giorni nel confronto a un anno, arrivando in media a 14,1 giorni, il minimo dal 2012, quando sono iniziate le rilevazioni. Nello stesso periodo è aumentato il numero di società che pagano le fatture entro i tempi concordati con i fornitori, il 47%, in crescita dal 45,8% del 2015, e si è ulteriormente ridotta la quota di società in grave ritardo, casi che possono sfociare in mancati pagamenti o veri e propri default. I comportamenti più virtuosi delle imprese hanno riguardato tutti i settori e le aree del Paese, con miglioramenti più marcati nelle costruzioni e nel Mezzogiorno, a lungo le due principali zavorre sulla strada della normalizzazione. Se il miglioramento del ciclo economico è la causa principale di questo progresso, parte del merito va ascritta anche all'ideazione di nuove soluzioni per tornare a far circolare la liquidità nell'economia reale in maniera sostenuta. Pensare di poter tornare alle politiche generose di erogazione del credito che si sono viste fino al 2007 è illusorio, dato che le banche non solo devono fare i conti con la massa di crediti deteriorati accumulati in bilancio, ma anche con regole comunitarie più stringenti, ideate proprio per garantire livelli di capitalizzazione adeguati in caso di nuove crisi. Tuttavia, grazie anche a sistemi di scoring più evoluti grazie al progresso della tecnologia, si stanno affermando sul mercato nuove soluzioni di finanziamento. Nelle scorse settimane, la School of Management del Politecnico di Milano ha fatto il punto sulla diffusione in Italia della supply chain finance, insieme di soluzioni per il finanziamento del capitale circolante che fanno leva sul ruolo di un'impresa all'interno della filiera, oltre che sulle sue caratteristiche economiche, finanziarie o di business. Il quadro che emerge è quello di un mercato nazionale dominato da due soluzioni di tipo tradizionale: l'anticipo fattura, cioè il finanziamento di quelle non ancora riscosse, che vale 87 miliardi di euro, il 3,3% in meno rispetto all'anno precedente, e il factoring, vale a dire la cessione di crediti commerciali vantati da un'azienda verso i debitori, che vale 57 miliardi (+1,8%). Tuttavia al suo interno cresce del 7,7% a 2,8 miliardi di euro la quota del reverse factoring, la versione che permette ai fornitori di sfruttare il merito creditizio di un'azienda cliente per ottenere prezzi più bassi. Stentano a decollare invece le soluzioni più innovative, come la carta di credito virtuale per la gestione semplificata dei pagamenti tra buyer e supplier, l'inventory finance, cioè il finanziamento delle scorte attraverso una linea di credito, o ancora l'invoice auction, un'asta digitale per investire nelle fatture, e il dynamic discounting, pagamento anticipato a fronte di uno sconto proporzionale ai giorni di anticipo. Anche se, avvertono gli autori della ricerca, lo scenario è in evoluzione, complice la diffusione di nuove aziende che puntano sulla velocità del Web per proporre soluzioni innovative.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Npl, ora la battaglia si sposta sulle sofferenze con ipoteca
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
La crisi e i bancari ecco le competenze che hanno un futuro
Il ragno della finanza
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Stipendi, ecco chi paga di più
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Un universo di Pmi vive di private label. «Così miglioriamo...
La governance passa anche dagli stipendi. Stipendi dei...
Il riciclaggio adesso diversifica
Risk management, le aziende si attrezzano
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
«Sui derivati nuovi rischi per gli istituti di credito»
Mps, il soccorso della finanza globale. Vince JP Morgan, la...
Il commercialista non basta più, Pmi alla ricerca di...
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
Pmi in salute minacciate dalle crisi internazionali
Manager, un altro calo: meno 4.400 nel 2015
Arriva il rating per le Pmi, il governo studia un nuovo...
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
Se l'azienda non paga il Tfr è possibile chiederlo all'Inps?
Banche, tutti i numeri di un problema europeo
Popolare di Vicenza, nulli tutti i finanziamenti «baciati»
Maxibonus ai manager: il tetto francese e i numeri italiani
Certificazione di qualità così cambiano i manager delle...
Perché ai manager italiani non piace il lavoro a distanza
Sindaci revisori al test di qualità
Falso in bilancio anche per le stime
Deposito dei bilanci in formato elettronico, online il...
Le tangenti fanno vincere le gare, cresce il fatturato ma...
Consiglio di Stato: per il procedimento sanzionatorio...
Ora gli avvocati vanno a cercare nuovi business per le...
Via alle bad bank private, per smaltire le sofferenze...
Al robot sopravviveranno artigiani e geni informatici
Così il promotore diventa consulente finanziario: «Più...
Azioni, obbligazioni e quotazioni grandi portafogli a rischio...
Scambi fra colleghi e idee per i capi: il boom delle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)