Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.872
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 3, la spirale della confusione
di Marco Onado
Il Sole 24 Ore
Martedì 4 settembre 2012

Non è una notizia se qualcuno attacca frontalmente Basilea e la strategia della regolamentazione finanziaria. Lo diventa, se le critiche vengono da uno dei più qualificati responsabili della vigilanza, nel convegno di Jackson Hole, di fronte ai banchieri centrali di mezzo mondo. Giornalisticamente parlando, è molto più del padrone che azzanna il cane. Andrew Haldane, responsabile della vigilanza della Bank of England, ha letteralmente sparato a palle incatenate, perché ha fatto risalire i difetti intrinseci di Basilea alla filosofia generale della regolamentazione che non è affatto cambiata dopo la crisi.
L'alluvione di nuove regole degli ultimi anni rischia di non risolvere alla radice il problema di rendere più stabili i singoli intermediari finanziari e il sistema nel suo complesso.
Partendo da un solido impianto teorico, che si rifà alla distinzione fra rischio (misurabile) e incertezza richiamata da Keynes fin nei suoi primi scritti, l'alto funzionario britannico dimostra come il sistema finanziario globale sia diventato sempre più complesso e basato su strumenti di misurazione dei rischi molto sofisticati, ma intrinsecamente fragili. Il clamoroso fallimento dei modelli di valutazione dei titoli strutturati è la prova provata che si estrapolavano rischi futuri da una base statistica gravemente inadeguata.
Il problema è che il regolatore si è illuso di poter inseguire la crescente complessità del mondo finanziario con regole sempre più complesse. Purtroppo, non è questa la strategia vincente. Intercettare le crisi è come prendere al volo un frisbee: potete affidare il compito ad un fisico che modelli la traiettoria ottimale o potete affidarvi ad un buon cane da riporto. L'esperienza insegna che la scelta più efficace è la seconda, cioè la più semplice (infatti il paper è intitolato "Il cane e il frisbee").
Gli accordi di Basilea sono nati trent'anni fa con una regola volutamente semplice, anzi tagliata con l'accetta, ma nel tentativo di renderla sempre più aderente alla realtà e di consentire alle banche di utilizzare i propri modelli interni (nell'ipotesi che il mercato sia sempre efficiente e dunque valuti i rischi meglio dei regolatori), ci si è infilati in una spirale di complicazioni che non assicura affatto una maggiore efficienza. Non solo perché aumenta la complessità dei testi (per le tre versioni di Basilea si passa da 30 a 347 a 616 pagine), non solo perché aumenta la probabilità che si utilizzino modelli tanto sofisticati quanto fragili, quanto perché non si rende affatto il sistema bancario più robusto.
Qui la critica di Haldane è spietata. Egli sostiene infatti che la sofisticazione di Basilea ha di fatto aumentato l'opacità: perché i metodi di ponderazione dei rischi e di definizione del capitale sono troppo eterogenei, applicati dai regolatori nazionali con criteri troppo diversi per consentire al mercato di distinguere fra le banche solide e quelle fragile. La regola semplice (un limite all'indebitamento complessivo, cioè fra totale dell'attivo e capitale "vero") è stata introdotta solo da Basilea 3, entrerà in vigore gradualmente ed è ancora insufficiente, perché un leverage pari a 33 volte è ancora gravemente inadeguato. Insomma, non solo il capitale delle banche è disciplinato in modo intrinsecamente sbagliato, ma è ancora del tutto insufficiente. Togliamoci dalla testa, è l'inevitabile conclusione, che avendo aggiunto un terzo piano alla torre di Basilea abbiamo reso l'edificio più robusto. Aumenta solo la confusione, conclude l'autore giocando sull'assonanza Basel-Babel. Un'ampia analisi statistica dimostra che la crisi finanziaria avrebbe potuto essere fronteggiata assai meglio con poche regole chiare.
Di qui la ricetta: «E' tempo di ripensare l'architettura di Basilea» e per farlo bisogna «farla semplice», cioè «make it simple». Lo stesso slogan usato in vari studi pubblicati dal think-tank europeo Ceps e promossi da Stefano Micossi.
Ma l'involuzione di Basilea non è che l'applicazione al capitale bancario di un'autentica bulimia che sembra animare i legislatori mondiali, nell'ansia di tamponare le falle aperte dalla crisi finanziaria e di mettersi a posto la coscienza di fronte agli elettori inferociti. Il testo legislativo americano (Dodd-Frank Act) occupa quasi mille pagine, ma comporta regolamenti delle varie autorità che alla fine porteranno il totale a 30mila. Un'altra torre di Babele che aggiungerà complessità e opacità, al contrario di quanto aveva fatto il vecchio Glass-Steagall Act che imponeva divieti chiari e infatti occupava solo 37 pagine.
Insomma, il paper di Haldane è l'equivalente del grido liberatorio di Fantozzi sulla corazzata Potemkin e mette in discussione l'intero impianto della regolamentazione finanziaria, e non solo di quella di ieri, ma anche quella di domani.
Il problema vero è quale seguito avranno critiche tanto severe quanto fondate sul piano teorico ed empirico. Chi avrà il coraggio di ripensare dalle fondamenta un impianto regolatorio che aggiunge ulteriori dosi di complessità, ma rischia di non tutelarci contro un'instabilità finanziaria ormai endemica? E' molto probabile che la voce di Haldane rimanga isolata nel mondo dei controllori (e degli stessi soggetti controllati): sono gli utenti dei servizi finanziari, a cominciare dalle imprese, che devono far sentire la loro voce ovviamente per il tramite di una politica che non vada sempre al traino dei regolatori e che sia capace di imporre una visione nell'interesse generale, come accadde su entrambe le sponde dell'Atlantico negli anni Trenta. Come allora, occorrono poche regole, ma basate su idee chiare. Altri tempi, altra finanza, ma anche altri politici.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professionisti, nuove opportunità dalla riforma del terzo...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Più tempo per la formazione
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
Troppi lacci frenano il credito in Europa
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
OK ai commercialisti specialisti
Commercialisti, la svolta
Dopo 10 mesi di terremoto le banche di San Marino...
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Fari puntati sulla responsabilità
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché...
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)