Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Basilea 3, imprese e banche chiedono più flessibilità
di Rossella Bocciarelli
Il Sole 24 Ore
Domenica 26 giugno 2011

L'appuntamento è per domani mattina a Bruxelles. Una delegazione ai massimi livelli delle associazioni che rappresentano le imprese(Confindustria, Rete Imprese Italia, Alleanza delle Cooperative Italiane) e delle banche (l'Abi) sottoporrà al Commissario europeo per il mercato interno e i servizi, Michel Barnier, una proposta mirata a ridurre al minimo i possibili "effetti collaterali" che potrebbero derivare al sistema produttivo dall'entrata in vigore dell'accordo interbancario di Basilea 3.
Entro la fine di luglio, infatti, la Commissione europea metterà in consultazione la bozza di direttiva europea (ma una parte della normativa dovrebbe vedere la luce sotto forma di regolamento) che recepisce l'accordo, raggiunto a Basilea il 16 dicembre scorso, sui nuovi coefficienti patrimoniali delle banche. Per questo, dopo aver introdotto il dialogo con il commissario Ue per l'industria, Antonio Tajani, le banche e le imprese italiane presenteranno la loro proposta direttamente al commissario Barnier che ha la responsabilità della trasposizione delle nuove regole di Basilea nella Capital requirement directive (Crd 4).
La proposta avanzata non modifica l'impianto generale dell'accordo; come si sa, le nuove regole prevedono un significativo incremento sia della qualità che della quantità di capitale necessario alle aziende di credito, a regime attraverso l'introduzione del "capital conservation buffer" innalza dall'8 al 10,5% il requisito minimo patrimoniale complessivo. Semplicemente, la richiesta avanzata dalle quattro associazioni è di "sterilizzare" l'aumento dei requisiti patrimoniali a fronte di crediti concessi alle Pmi. Come? Introducendo un fattore correttivo pari a 76,19%, da introdurre nella formula per il calcolo dei risk weighted assets (la ponderazione per il rischio delle singole voci attive della banca) nel caso di un prestito a un'impresa di piccole o medie dimensioni.
In pratica, l'incremento di riserva patrimoniale indotto dalle nuove norme di Basilea verrebbe bilanciato da una sorta di "sconto" applicato a valle all'intero meccanismo di calcolo, pari al 24% circa nel caso in cui la destinazione dell'impiego creditizio è un'azienda piccola. La regola che le varie associazioni delle imprese e delle banche italiane proporranno al commissario europeo non ha di per sé nessuna caratteristica a raggio meramente nazionale. Infatti, se è vero che la piccola e media dimensione è un tratto caratteristico dell'impresa italiana, è vero anche che utilizzando la definizione europea (dove la piccola e media impresa arriva fino ai 250 dipendenti) si scopre che le Pmi dal punto di vista numerico sono il 99,8% delle aziende in Europa, che hanno un peso rilevante sull'economia continentale perché danno lavoro a 90 milioni di occupati e che generano il 58% dell'intero valore aggiunto europeo.
Queste aziende hanno una specificità: dipendono, ben più delle imprese di maggiori dimensioni, dal credito bancario. Per l'esattezza, secondo i calcoli realizzati da imprenditori e banchieri, fatto 100 il totale delle passività delle imprese europee, nelle Pmi il debito incide per il 39% mentre nel caso delle grandi aziende la fonte del credito bancario pesa per il 19 per cento.
Sterilizzare l'innalzamento del requisito patrimoniale nel caso dei crediti alle Pmi permetterebbe quindi di contenere al minimo gli effetti indesiderati proprio su quella parte di tessuto produttivo che, non solo in Italia ma anche a livello continentale, dipende in via principale dal canale bancario come fonte di finanziamento.
Le banche e le imprese italiane, del resto batteranno sull'esigenza di avere un effettivo level playing field, un campo da gioco livellato in materia di regole creditizie, ricordando a Barnier che, così come in occasione dell'approvazione di Basilea 2 gli Stati Uniti hanno trasposto le regole in maniera tale che ancor oggi nessuna banca americana le ha effettivamente applicate, c'è ora il rischio che questo approccio venga seguito anche per quanto riguarda Basilea 3, soprattutto per quel che riguarda quelle categorie di banche americane che operano a livello prevalentemente nazionale e locale. In altre parole negli Usa Basilea 3 potrebbe venire applicata solo per le grandi banche a raggio operativo internazionale. Tanto più importante, quindi, secondo gli autori della proposta, arrivare a un'emanazione di norme comunitarie di recepimento delle regole di Basilea che garantiscano condizioni non penalizzanti per la crescita dell'economia.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Novità per le srl nella Riforma del fallimento
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Imprese familiari fatturato in crescita, ma visione "a breve"
A guardia ci sono i lupi: ecco perché l'Europa non batte...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
OK ai commercialisti specialisti
Il factoring corre più veloce della ripresa
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
Pir, non solo bonus ma anche costi; costruire una rendita...
Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Mettersi in proprio: idee e segreti. Lavoro autonomo o...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Società 50-50: come superare il problema
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Aim, cinquanta Ipo allettate dai Pir ma per gli operatori...
«Lo Stato ci dà troppi oneri», la rivolta dei commercialisti
Aziende, la crisi dei giovani manager
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
I padroni stranieri del debito pubblico: 800 miliardi di euro...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)