Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Bankitalia, ingorgo quote: il 48% ancora invenduto, a gennaio niente cedole
di Andrea Greco
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 14 novembre 2016

Alzi la mano chi non vorrebbe essere azionista della Banca d'Italia. Istituzione carica di storia, con una dote patrimoniale di 7,5 miliardi, alcuni dei palazzi più belli del paese dove sono custodite le riserve auree nazionali, e un signor dividendo, stabilito per legge in «non più del 6% annuo». Pure, a quasi tre anni dalla legge di riforma del governo Letta, e a un mese e mezzo dal termine legale perché i grandi proprietari storici (le banche) scendano sotto la soglia del 3%, gran parte delle quote eccedenti restano invendute. Il periodo transitorio sta finendo, e solo il 13% del capitale è stato girato a nuovi investitori. Resta il 48,7% da alienare, principalmente in capo a Intesa Sanpaolo e Unicredit, con spiccioli di Generali e Carige (sono i gruppi che superano il 3% come da tabella; ndr: non disponibile). Riusciranno i soci storici a smobilizzare in sei settimane il quadruplo delle quote vendute in tre anni? Risposta ovvia: no, anche se qualche cessione di piccoli pacchetti a dicembre dovrebbe esserci e qualche trattativa è in corso. La legge 5/2014, recepita nello statuto Bankitalia, è molto articolata, ma non tassativa a riguardo. Prevede che tutte le quote eccedenti il 3% dall'inizio dell'anno nuovo si vedano congelati i diritti di voto all'assemblea di primavera, e non ricevano più le laute cedole, ammontate a complessivi 380 milioni nel 2013, e a 340 milioni nel 2014 e nel 2015. Ovviamente i venditori non avrebbero interesse a rinunciare a quei rendimenti, che per le azioni in eccesso da gennaio saranno assegnati alle riserve della vigilanza. Così negli ultimi mesi hanno svolto un lavoro esplorativo molto intenso per poter scendere di peso (a doverlo fare sono soprattutto le due maggiori banche nazionali) e incassare miliardi preziosi in questa fase negativa della congiuntura. Tuttavia dietro le quinte si mugugna, perché i compratori che hanno manifestato più interesse - per esempio fondi istituzionali, investitori asiatici, private equity - sono quelli che per legge, e per i placet lasciati alla vigilanza, non hanno il pedigree giusto, avendo passaporto straniero, regolamentazioni differenti e finalità potenzialmente speculative. Via Nazionale finora avrebbe interpretato con grande rigidità lo spirito e la lettera della riforma, così scartando seccamente alcuni dossier. Il novero dei partecipanti al capitale era stato scelto con forse eccessiva attenzione e cipiglio dal legislatore, su consiglio della vigilanza stessa: banche, assicurazioni e riassicurazioni, fondazioni bancarie, enti e istituti di previdenza e fondi pensione. Tutti rigorosamente con «sede legale e amministrazione in Italia». Ma i vincoli si sono rivelati talmente stretti che ben pochi compratori si sono affacciati: non perché pensino che avere in portafoglio azioni di Via Nazionale sia un cattivo affare, ma perché in questi due anni i problemi sempre più scoperti del sistema finanziario domestico hanno imposto nell'agenda altri affanni e urgenze (anche di cassa). Per fare qualche esempio, l'ultimo anno le banche operanti in Italia hanno dovuto sborsare oltre 7 miliardi, nei fondi collettivi creati per salvare istituti vicini al fallimento (la somma è quasi identica, per un caso, agli utili netti 2015 del settore, e al valore dato al capitale di Bankitalia, che prima della riforma era al valore storico di 156mila euro. Le Fondazioni hanno “dovuto” mettere un cip da 536 milioni nel fondo Atlante, dal quale le casse previdenziali sono tirate per la giacca. Ben altri e meno graditi dossier di investimento insomma. Lo stallo in corso rafforza per altro la possibilità che la Banca d'Italia compri azioni dai suoi grandi soci, per rivenderle in seguito. Una facoltà che la legge contempla, e che ha fatto gridare allo scandalo Adusbef e Federconsumatori. «Poiché non crediamo possa essere fatto ora ciò che non è stato fatto in 34 mesi, forse proprio confidando nel paracadute del riacquisto, denunciamo l'ennesimo favore alle banche socie che costringerà Bankitalia a intervenire per ricomprare le quote stesse, staccando un bell'assegno da 3 miliardi come strenna natalizia», hanno dichiarato i leader delle due associazioni, Elio Lannutti e Rosario Trefiletti. Ma l'ipotesi di un riacquisto massiccio della vigilanza, nei corridoi bancari, è data per improbabile. Tutti i protagonisti accreditano invece uno scenario inerziale, in cui senza troppa fretta le negoziazioni di quote Bankitalia continueranno. Fino al loro compimento ci sarà una "dieta cedolare" per Intesa Sanpaolo e Unicredit, e in misura minima per Generali e Carige; mentre gli istituti, che tre anni fa hanno contabilizzato rivalutazioni miliardarie sui loro pacchetti storici di Palazzo Koch, non pensano di svalutarle per questo. Nella recente presentazione dei conti di Intesa Sanpaolo, l'analista finanziario di Exane Andrea Vercellone ha chiesto all'ad Carlo Messina se - posto che la riduzione entro il 3% non avverrà entro l'anno - ci fosse per Ca' de Sass il rischio di dover rettificare il valore di carico. «Avendo già effettuato transazioni, e prevedendo ulteriori operazioni di vendita, non avremo bisogno di fare svalutazioni di sorta - ha risposto il banchiere -; in ogni caso il valore delle quote di Bankitalia è legato al dividendo, non al fatto che noi non lo incasseremo l'anno prossimo: il valore delle future compravendite resta intatto».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Società 50-50: come superare il problema
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Pagamenti frazionati vietati se la fattura cumulativa...
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
È pignorabile una polizza?
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Crediti deteriorati: cosa sono i Non Performing Loans (Npl)?
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Bini Smaghi: «In Europa serve una megabanca»
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
«Un impiego part time in banca, per i consulenti una...
Atlante, un anno nella trappola veneta: miliardi bruciati...
Banche e assicurazioni hanno ancora dei vantaggi sui...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Interconnessione e sensori, l'agricoltura sta al passo
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
Credito, 225 milioni per i confidi
I revisori legali lanciano il micro credito per start up e...
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
I manager che ricuciono gli strappi generazionali
Ogni giorno nascono 4 start up tech
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)