Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono a Intesa Sanpaolo
di Marcello Esposito
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 26 giugno 2017

L'uso del termine "aiuto" per definire l'intervento pubblico nelle banche venete ha un suono beffardo, quasi quanto la definizione di "salvataggio" applicata alla proposta di Intesa Sanpaolo di acquisire gratuitamente le attività commerciali di Banca Popolare di Vicenza e di Veneto Banca.
L'unica cosa certa in questa tormentata vicenda è che, grazie ad una serie impressionante di errori e ritardi equamente distribuiti tra Roma, Bruxelles e Francoforte, il conto per il contribuente italiano è lievitato nel giro di pochi mesi da zero a quasi 10 miliardi. Con possibilità praticamente nulle di recuperarne una parte significativa nei prossimi anni.
Stando ai termini dell'offerta formulata dal Consiglio di Intesa lo scorso 21 giugno, l'acquisizione delle due banche venete è subordinata alla "totale neutralità dell'operazione rispetto al common equity tier 1 e alla dividend policy".
In altre parole, qualcuno dovrà accollarsi tutti i crediti deteriorati, tutte le perdite future relative alle cause intentate dai clienti-azionisti truffati dalle precedenti gestioni, tutti i crediti che, pur essendo in bonis, sono ad alto rischio. Fatto salvo per Atlante e per i detentori di obbligazioni subordinate, destinati all'azzaramento, quel "qualcuno" è il Tesoro, cioè il contribuente italiano. Le condizioni poste da Intesa però non finiscono qui. Qualcuno dovrà pagare per gli oneri di integrazione e razionalizzazione delle tre banche. Quel "qualcuno", allo stato attuale, è sempre il Tesoro.
Quindi, gli esuberi di personale, il piano di chiusura degli sportelli nelle numerose aree del paese in cui le tre reti si sovrappongono, l'integrazione dei sistemi informatici e delle piattaforme commerciali etc etc, saranno a carico del contribuente italiano. Infine, non è chiaro se Intesa intenda chiedere anche una completa ricapitalizzazione delle due banche prima di acquisirle. Nell'offerta la richiesta non è esplicitata, ma l'attività bancaria, anche quella più virtuosa, genera comunque assorbimenti di capitale regolamentare. Se Intesa non è disponbile a chiedere nuove risorse ai suoi azionisti, direttamente o modificando la politica dei dividendi, ne deriva che le due "good bank" devono arrivare non solo ripulite delle perdite ma anche adeguatamente capitalizzate.
In cambio di tutto questo, Intesa intende pagare una cifra simbolica e rilevare appunto solo l'attività commerciale delle due banche e la loro rete di sportelli. Nell'ipotesi che un'offerta così articolata faccia parte di un piano concordato tra Intesa e il Tesoro, non sarà facile per l'Italia convincere Bruxelles che non siamo in presenza di aiuti di Stato a favore di Intesa Sanpaolo. È vero che anche il Banco Santander ad inizio giugno ha rilevato per un euro il Banco Popular, ma a fronte di quasi 8 miliardi di accantomenti a copertura dei crediti deteriorati così acquisiti. Ammesso e non concesso che l'Europa accetti questa soluzione, emerge ancora una volta il paradosso di una Banking Union nata per tagliare il nesso tra rischio sovrano e rischio bancario ma diventata un catalizzatore di crisi più o meno sistemiche da sedare con ingenti iniezioni di denaro pubblico.
In Italia ci abbiamo messo tantissimo del nostro, ma il difetto è strutturale e sta nel codice genetico della Banking Union non in quello degli italiani. Il nostro paese è semplicemente la tessera più fragile del mosaico europeo. Una normativa che prevede meccanicamente il bail-in dei depositanti al determinarsi di certe condizioni introduce un elemento di instabilità strutturale nel sistema bancario. Oggi tocca all'Italia assistere alla fuga dei depositanti dai suoi istituti più deboli. Ma domani, con queste regole, potrebbe toccare alla Francia o alla Germania. Abbiamo guardato con ammirazione agli interventi dell'amministrazione Obama per salvare l'industria automobilistica all'indomani del fallimento di Lehman. Gli Usa si sono mossi con rapidità e, quando hanno impiegato denaro pubblico, lo hanno fatto sottoforma di "equity". Sono ad esempio diventati azionisti di Chrysler e hanno imposto un piano industriale con obiettivi misurabili e condizioni precise per cedere a titolo oneroso, non gratuito, le azioni al socio industriale, la Fiat di Marchionne.
Questo non è accaduto nel caso delle banche venete e non solo per colpa dell'Italia. L'impossibilità di concepire all'interno del contesto normativo europeo la nazionalizzazione "precauzionale" di una banca ha trasformato quello che un anno fa poteva essere un salvataggio in una vera e propria liquidazione, facendo lievitare enormemente il costo per il contribuente. Le due banche, colpevolmente lasciate nell'incertezza di una soluzione definitiva per quasi un anno, hanno assistito impotenti alla fuga della clientela corporate e di quella più ricca, spaventate dalla prospettiva del bail-in. E questo di fatto ha azzerato le chance per il contribuente di recuperare qualcosa in futuro. Il valore di una Banca, come di una qualsiasi attività commerciale, non sta nelle attività finanziarie che ha in portafoglio, ma nella sua base di clientela.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Più tempo per la formazione
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Consulenti finanziari autonomi al via
È pignorabile una polizza?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Banche italiane più sicure: la classifica
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Riforma dei confidi in salita
Le incognite che vede la Bce
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)