Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Banche, morire per Basilea? No, grazie
di Massimo Mucchetti
Corriere della Sera
Giovedì 1 dicembre 2011

Morire per Basilea? No, grazie. Diversamente da Danzica, che nel '39 andava difesa a costo della vita, Basilea è solo fonte di equivoci finanziari, se non di inganni. Il rigore degli accordi internazionali sulle banche (che prendono il nome dalla città svizzera dove sono stati stipulati) è solo apparente. Mentre si profila un secondo credit crunch dopo quello dell'autunno 2008, può essere pericoloso svenarsi in aumenti di capitale per obbedire a una regolazione sbagliata.
Tre dati la dicono lunga. Primo, tra il 2006 e il 2008, in base al secondo accordo di Basilea in Europa e alla riforma bancaria del 1991 negli Usa, le grandi banche poi fallite o salvate dai governi apparivano più solide e solvibili delle consorelle che se la sono cavata da sole. Secondo Andrew Haldane, Bank of England, il capitale delle decadute era pari all'8-9% degli attivi, 1-1,5% in più della media. La storia si è ripetuta adesso con Dexia. Secondo dato, la sproporzione tra la leva finanziaria legale delle banche e quella artificiale ricostruita per stabilire il capitale minimo per operare. La leva finanziaria, leggibile sui bilanci, è il rapporto tra il totale delle attività e il patrimonio netto. Ma con Basilea 2, fermo restando il denominatore, il numeratore cambia: invece della somma degli attivi, ecco la somma ponderata in base al diverso rischio attribuito alle diverse classi di attivi. Questo procedimento, assai opaco, riduce di molto la base su cui calcolare il capitale minimo. Nelle banche più conservative (Bilbao, Santander, Intesa Sanpaolo e Unicredit) gli attivi ponderati stanno fra il 57 e il 49% di quelli di bilancio,mentre nelle più spinte (Ubs, Credit Suisse, Deutsche Bank, Bnp, Soc-Gen e Barclays) stanno fra il 15 e il 30%. Prestabilito il rapporto, la taglia del denominatore dipende da quella del numeratore. La ponderazione, dunque, serve a diminuire drasticamente il capitale delle banche a parità di attivi ovvero ad aumentare gli attivi lasciando immutato il capitale e facendo correre i debiti. In tal modo, nella presunzione di azzerare il rischio di fallimento delle controparti con l'innovazione finanziaria, ecco che le banche regalano ai soci ritorni del 15-20% e compensi da capogiro ai banchieri. Che dicono di meritarseli.
Terzo dato, i criteri di ponderazione. Secondo Basilea 2, le banche possono seguire modelli standard, fissati dalla Vigilanza di ogni Paese, ovvero modelli avanzati, elaborati dalla singola banca e convalidati dalla Vigilanza. In Italia, nel modello standard i mutui pesano per il 37% del valore facciale; nel modello avanzato di Intesa per il 25. In Francia, Paribas ha il 12%, SocGen il 9%. Nelle maggiori banche inglesi, avvertono Bank of England e Financial Services Authority, a parità di portafogli emergono divergenze del 100% nei crediti interbancari, del 150% nei crediti alle imprese, del 280% nei titoli sovrani. Quale conturbante confessione di impotenza del regolatore! Era complice o incompetente? Certo, la sua cattura da parte dei regolati ha il bacio in fronte della legge.
Eppure, avverte Haldane, era noto come, fin dalla rottura degli accordi di Bretton Woods nel 1971, i banchieri, almeno gli inglesi, abbiano sempre rischiato il massimo consentito. Non un penny di meno in omaggio alla prudenza. Il che avrebbe dovuto mettere in guardia governi e banche centrali sulla moltiplicazione del rischio che sarebbe derivata dall'allentamento dei vincoli e delle sanzioni fallimentari. E invece, nel comporre il quadro, i rischi di mercato, da cui è venuta gran parte delle perdite, contano pochissimo, tra il 2% e il 10%, quando invece l'attività finanziaria pesa sempre più.
Di cattivo credito una banca muore lentamente, ma una vera crisi di liquidità la uccide in una mattina. Basilea 2 si è rivelata impotente a prevenire e curare tali shock, che possono nascere sia dal contesto sia dalle caratteristiche della singola banca. Hanno dovuto pagare gli Stati facendo debito pubblico, con quel che è seguito. Ma che cosa fa Basilea 3? Lavora sul denominatore, aggiunge un 2% qua e un 1,5% là al capitale: una percentuale per ogni precedente fiasco. Irrigidisce anche il numeratore, toccando i titoli di Stato, non i tossici.Ma lascia l'autovalutazione convalidata dalla Vigilanza su migliaia di poste, terreno fertile per ogni manipolazione. In altre parole, non emancipa il regolatore dal regolato. E conferma la Babele delle regole. Eppure, anche dal cuore del sistema si invita ad abolire ogni ponderazione e ad adottare criteri prudenziali più sani e omogenei quali la leva finanziaria. In un seminario europeo, Stefano Micossi, direttore Assonime, ha prospettato un rapporto tra attività totali e capitale di non più di 10-15 volte. Nel suo ultimo saggio, Fulvio Coltorti, responsabile dell'Area studi di Mediobanca, precisa: capitale tangibile, ovvero depurato dagli avviamenti, altra voce assai manipolabile. Incidentalmente, le banche italiane hanno una leva finanziaria più bassa delle concorrenti tedesche, francesi e svizzere. La difesa degli interessi nazionali aiuterebbe anche la stabilità del sistema bancario europeo. Gli aumenti di capitale saranno ancora necessari da noi? Probabilmente sì, con tanti avviamenti discutibili, e in mancanza del mercato dovrebbe intervenire lo Stato. Ma la stagione degli inganni avrebbe fine.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere credito alla banca?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Bancarotta, estesa la non punibilità
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Torna il cottimo, ora si chiama "on demand"
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
In Italia il credito si incassa in 85 giorni
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Consulenti finanziari autonomi al via
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Pagamento in contanti: quando si rischia
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Fabi: 22mila esuberi nelle banche, già chiusi 7mila sportelli
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Quanto contante si può versare in banca dopo il 2016?
Giovani precari, in pensione 6 anni dopo i padri
Le incognite che vede la Bce
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)