Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Banche italiane all'attacco. Lo stress test dell'Eba «Parte da un errore di fondo»
di Adriano Bonafede
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 5 dicembre 2011

Tu chiamali, se vuoi, "esercizi" sulla capitalizzazione delle banche. Ma che guai hanno combinato! L'Abi ha elaborato un graficoshock sulla volatilità media sui Cds sovrani e ha notato che dopo che l'Eba li ha resi noti il 26 ottobre scorso, questa grandezza è schizzata verso l'alto. Gli "esercizi" dell'Autorità bancaria europea, insomma, hanno avuto un impatto enorme sul mercato, contribuendo in misura non piccola a far lievitare a livelli insostenibili gli spread BptBund. E, a cascata, hanno provocato danni alle banche, che detengono quote assai significative di titoli di Stato italiani. Ovvero di quell'asset class che, improvvisamente, è stata declassata quasi a livello di junk bond. Niente di strano che il mondo bancario italiano abbia messo in campo tutta la sua capacità di pressione e di lobbying per evitare che il prossimo 7 e 8 dicembre (quando il Board of Supervisors dell'Eba dovrà decidere se e quando rendere noti gli "esercizi" aggiornati al 30 settembre) sia costretto a subire un nuovo smacco. Considerato ingiusto oltre che pericoloso per la stabilità dell'economia. Questa volta la posta in gioco è enorme e lo hanno compreso anche la Confindustria e le altre organizzazioni datoriali. Il pericolo, adesso, è che gli istituti di credito strozzino l'economia per rimettere a posto i propri ratios patrimoniali. All'Eba, l'authority europea nata poco più di un anno fa e presieduta da un italiano, Andrea Enria, scrollano le spalle e lanciano un semplice segnale: non siamo noi, dicono, i responsabili di questa decisione di effettuare uno stress test sul livello di patrimonializzazione delle banche europeo, ma il Consiglio dei capi di Stato e di governo dell'Unione Europea. In altre parole, una decisione politica: è a questo livello che è stata presa la determinazione di verificare se tutti gli istituti di credito hanno un capitale sufficiente ad affrontare le situazioni più pericolose, costringendoli a lanciarsi oltre il livello considerato di sicurezza del 9 per cento di Core Tier 1. In verità era in cantiere anche uno stress test sul funding, che invece sembra adesso il vero problema, ma alla riunione del 26 ottobre scorso fu data la preminenza al problema della patrimonializzazione. Qualcuno fa timidamente notare che quella fu l'ultima occasione in cui Berlusconi partecipò a un vertice europeo. Comunque sia, l'esercizio preliminare sul Core Tier 1 (basato sui dati del 31 luglio) ha indicato che in Italia ci sono cinque grandi banche che hanno bisogno di un aumento di capitale: Bpm, che l'ha già fatto, Unicredit, che lo sta per fare; Mps, che non vorrebbe farlo e Ubi e Banco Popolare che stanno alla finestra. Il nuovo esercizio è già stato realizzato con i dati aggiornati al 30 settembre e dovrà essere reso noto dopo il 7 8 dicembre. Presumibilmente si attenderà l'esito della riunione del Consiglio dei capi di governo e di Stato prevista dopo il 9. Riunione nella quale il primo ministro italiano, Mario Monti, porrà probabilmente la questione. Del resto Monti, nell'incontro dei giorni scorsi con il presidente della Commissione Ue, José Barroso, aveva toccato questo discorso. Ma l'attività di lobbying dell'Abi è stata stavolta particolarmente attenta. Nella tappa romana della visita del commissario europeo Michel Barnier, il 25 novembre scorso, c'è stata anche una cena nella sede dell'associazione alla quale hanno partecipato oltre ai vertici dell'Abi, Giuseppe Mussari e il direttore generale Giovanni Sabatini, anche banchieri del calibro di Antonio Vigni (dg Monte Paschi), Victor Massiah (Ubi), Luigi Abete e Fabio Gallia (Bnl) e Paolo Fiorentino deputy ceo di UniCredit. È in quella sede che hanno esposto il loro cahier de doleances. Mentre Giuseppe Guzzetti, presidente dell'Acri, ha da parte sua rilasciato un'intervista a toni caldi. Gli istituti di credito italiani sono certi di essere vittime quantomeno di un grave errore di valutazione. «Il problema attuale delle banche dice Gianfranco Torriero, direttore centrale e responsabile direzione Strategie e Mercati Finanziari dell'Abi, non è quello patrimoniale ma di liquidità. L'aumento del costo del funding che si è creato a seguito di un accresciuto rischio sovrano riduce la crescita. Ciò a sua volta contribuisce a far salire il rischio sovrano, in una spirale perniciosa. È un errore pensare che per combattere il rischio sovrano occorra accrescere la capitalizzazione delle banche». Tra l'altro è stato ancora fatto notare dall'Abi in questo modo l'Eba ha impartito raccomandazioni "pro cicliche", «in contrasto spiega ancora Torriero con le istruzioni di Basilea 3, che invece prevedono di aumentare il capitale quando l'economia gira bene e di ridurlo quando invece il ciclo è nella fase negativa». Entrando nelle technicalities utilizzate per l'"esercizio" dell'Eba, molte sono le perplessità manifestate dal sistema bancario italiano (ma per la verità anche da quello spagnolo e francese) sulla metodologia usata. Per comprendere la querelle, bisogna partire dal presupposto che non esiste nell'Area Euro un modo univoco di rappresentare le varie poste nel bilancio delle aziende di credito, né esiste un'unica valutazione di ciò che è Core Tier 1. Ad esempio, nel nostro paese la Banca d'Italia è particolarmente severa nella valutazione dei cosiddetti Rwa, ovvero gli asset pesati per il rischio, laddove altre banche centrali sono più lasche. Un'altra accusa rilevante è che l'Eba si è soffermata soltanto sui titoli di Stato che possono presentare un elemento di rischiosità ma non ha assolutamente preso in considerazione l'incertezza causata dai cosiddetti "titoli di livello 3" ovvero strumenti (tra cui potrebbero esserci anche quelli tossici) che non hanno una valutazione di mercato e che quindi sono valutati discrezionalmente dalle banche. Quelle italiane ne hanno pochissimi ma in istituti di altri paesi questa posta può avere una notevole rilevanza. Ecco il nocciolo della protesta che arriva dall'Abi: le banche italiane, con un modello di business più tradizionale e più prudenti di quelle europee, sono state penalizzate solo perché hanno in pancia un asset, i titoli di Stato italiani, fino a ieri considerati risk free e che ora soffrono ma non è detto che domani non tornino a posto. Ma quello che proprio non va giù è che con l'"esercizio" dell'Eba, che adesso potrebbe ripetersi, dice un banchiere, «è come si dicesse al mercato che i titoli italiani sono rischiosi e che quindi è meglio tenersene lontani. Così certo la crisi si avviterà sempre più su stessa».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)