Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.740
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al credito
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 3 luglio 2017

Gli sportelli chiudono, più spazi per i mediatori creditizi. Dipende dall'incremento dei mutui, ma non solo. Dietro l'aumento dei mediatori creditizi c'è anche la complessità crescente del mercato e la chiusura di molte filiali bancarie, che riducono i presidi sul territorio. Un trend che sembra destinato a rafforzarsi negli anni a venire, chiamando le autorità a un'attenta vigilanza per garantire la tutela della clientela. A guardare i dati dell'Oam, Organismo agenti e mediatori, emerge chiaramente che a fronte di un calo consistente degli agenti, corrisponde una crescita dei mediatori creditizi. Una figura, quest'ultima, che il Testo unico bancario identifica come «il soggetto che mette in relazione, anche attraverso attività di consulenza, banche o intermediari finanziari previsti dal Titolo V del Tub con la potenziale clientela per la concessione di finanziamenti sotto qualsiasi forma». Quindi la norma specifica che i mediatori creditizi «svolgono la propria attività senza essere legati ad alcuna delle parti da rapporti che ne possano compromettere l'indipendenza». Per esercitare nei confronti del pubblico quest'attività è necessario ottenere l'iscrizione in un apposito elenco tenuto dall'Oam, previo possesso dei requisiti di onorabilità e professionalità. Proprio scorrendo questo elenco si scopre che mentre gli agenti persone fisiche tra il 2014 e il 2016 sono scesi da 6.325 a 5.406 unità e quelle giuridiche da 1.016 a 934, le realtà di mediazione creditizia sono cresciute da 287 a 295. E ancora più forte è stato il progresso dei dipendenti e collaboratori di queste ultime, passati da 3.771 a 4.167. Un trend a prima vista paradossale, considerato che negli ultimi anni si sono diffusi i comparatori online che consentono di esaminare le varie proposte di finanziamento messe a punto dagli istituti di credito, evitando di dover fare la spola da uno sportello all'altro per conoscere le varie condizioni applicabili. «Ma nel frattempo il mercato è diventato più complesso, non solo per la presenza di numerose formule contrattuali, ma anche perché la decisione dell'istituto di credito sulla concessione o meno del prestito o mutuo, così come delle condizioni contrattuali, è personalizzata, quindi legata alle condizioni del singolo richiedente», spiega Angelo Spiezia, che è segretario generale di Assomea, Associazione dei mediatori creditizi, e amministratore delegato di Weunit, una delle realtà più importanti del settore. «Il nostro lavoro si svolge a stretto contatto con le agenzie immobiliari: una volta individuato l'immobile da acquistare, il cliente si rivolge a noi esponendo le sue esigenze di finanziamento, le disponibilità liquide e le preferenze di rimborso e a quel punto ci occupiamo di individuare le migliori condizioni di mercato». Quindi il mediatore creditizio è una figura necessariamente indipendente dalle banche, che poi erogano il finanziamento. «Il compenso ottenuto dal cliente per l'attività di mediazione va segnalato all'istituto di credito affinché venga aggiunto nel calcolo del Taeg (cioè il tasso effettivo che il mutuatario deve affrontare, ndr)». Compenso che in genere è compreso tra l'1 e il 3% del finanziamento complessivo, in base alla complessità del finanziamento e della condizione del richiedente. Quando si parla di mediazione in generale, può risultare lecito qualche timore da parte del prestatore. «Il mio consiglio è di consultare il sito internet dell'Oam (che è www.organismo-am.it, ndr) in modo di accertarsi che il professionista che si incontra sia iscritto all'albo», sottolinea Spiezia. Ricordando per altro che «in questo settore le società di mediazione creditizia sono responsabili in solido con il collaboratore, per cui vi è un'attenta vigilanza sulle modalità di svolgimento del lavoro». Un concetto sottolineato anche da Renato Landoni, presidente di Kìron Partner, società di mediazione creditizia del gruppo Tecnocasa, attiva – oltre che nei mutui - anche nel comparto delle polizze assicurative e nella cessione del quinto. «In questo mercato la soddisfazione della clientela è fondamentale ed è per questo che ci siamo dotati di un Carta dei diritti che garantisce la trasparenza sui doveri dei nostri collaboratori». Alessio Casonato, amministratore delegato di Finint Mediatore Creditizio, sottolinea che negli ultimi anni vi è stata un'evoluzione normativa proprio in direzione di alzare le tutele per la clientela, prevedendo tra le altre cose l'obbligo per chi si occupa di mediazione del credito di costituirsi sotto forma di società di capitali e di creare strutture di compliance e internal audit, oltre a prevedere controlli continui da parte dell'Oam. «Questo ha comportato importanti cambiamenti nel mercato, ad esempio con l'eliminazione della mediazione diretta fra agenzie immobiliari e banche, per esempio. Inoltre, le persone fisiche che operavano in proprio come mediatori sono stati costretti a entrare in strutture organizzate e regolamentate». Nuove regole che pongono le basi per una crescita sostenibile del settore, complice la progressiva chiusura di filiali da parte delle banche, che riduce i presidi sul territorio per chi necessita di consulenza in questo settore. «Il mondo della mediazione creditizia sta raccogliendo il testimone dalle reti fisiche delle banche e diventa sempre più il collante fra gli istituti di credito e la loro clientela», conclude Casonato.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
I titoli atipici di Bagnasco, Cultrera e Sgarlata. L'Italia...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Commercialisti, medici, ingegneri ora c'è chi controlla il...
Sempre meno, sempre più in rosso: per i confidi va...
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Credito, 225 milioni per i confidi
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Bail-in banche, fondi e Sicav si salvano ma ora spunta un...
McKinsey: «Le imprese a caccia di manager specializzati in...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)