Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Banche, ai big servono fino a 1.100 miliardi
di Luca Davi
Il Sole 24 Ore
Martedì 10 novembre 2015

Un "cuscinetto" di sicurezza che può arrivare fino a 1.100 miliardi di euro. È quello che le trenta maggiori banche mondiali, tra cui l'italiana UniCredit, dovranno costruirsi entro il 2022 per soddisfare le richieste del Financial Stability Board. Una richiesta, quella che dovrà essere ratificata dai leader del G20 il prossimo 15 e 16 novembre ad Antalya, in Turchia, con cui il Fsb conta di prevenire eventuali nuovi (e ipotetici) collassi bancari a distanza di 7 anni dal crack Lehman Brothers.
Nel dettaglio, le banche di rilevanza sistemica dovranno avere una quota minima di Tlac (Total loss absorbing capacity, ovvero capacità di assorbimento delle perdite) pari al 16 per cento degli Rwa (Risk weighted asset, gli attivi ponderati per il rischio) a partire da inizio 2019. Il buffer di capitale dovrà poi aumentare al 18% dal primo gennaio 2022. Per Tlac si intende capitale o debito che può essere immediatamente svalutato (e convertito in azioni) in caso di necessità. Inoltre, la quota di Tlac dovrà essere pari almeno al 6% dell'Lre (Leverage ratio exposure, l'indice di leva finanziaria pubblicato da Basilea) dal 2019 per poi salire al 6,75% dal 2022.
Benché pubblicate ieri, le asticelle diffuse ieri si sono allineate alle stime che circolavano da settimane sul mercato. E che si sono attestate nella parte medio-bassa della forchetta di Tlac inizialmente prevista dall'Fsb, compresa tra il 16 e il 20%. Insomma, nessuna sorpresa negativa. Un dato che segnala la volontà dei regulator di non eccedere nella stretta al capitale, pur mantenendo altissima l'attenzione sui ratio per evitare nuovi crisi sistemiche. Non a caso, Mark Carney, che oltre ad essere governatore della Bank of England presiede l'Fsb, ha detto che «non si tratta di Basilea 4 ma del completamento di Basilea 3».
Ciò non toglie che la richiesta aggiuntiva di capitale che peserà sul sistema è impressionante: nel complesso, appunto, le 30 banche "too big to fail" avranno un fabbisogno aggiuntivo di capitale che, secondo le stime dello stesso Fsb, potrà oscillare tra i 457 miliardi e, nel caso estremo, 1.107 miliardi al 2019, a seconda degli strumenti contabilizzabili nei requisiti. Per creare questo buffer le banche coinvolte potranno o emettere capitale azionario di qualità più elevata (Cet 1) o affidarsi a strumenti subordinati (At1, T2 e altri ibridi) o bond senior (ma in questo caso ci sono percentuali più restrittive).
Ma quale sarà il costo dell'adeguamento alle nuove regole? Secondo le stime della stessa Fsb, la richiesta media per singola banca ammonta quindi a 26,2 miliardi di nuove emissioni. Il fabbisogno per i singoli istituti oscilla tra lo zero fino a un massimo di 124,4 miliardi. Ma «circa la metà delle banche sistemiche» sembrano già avere a «disposizione passività adeguate per soddisfare molti, anche se non tutti, i criteri del requisito Tlac e che danno la possibilità di una conversione in Tlac». Attraverso il "bail-in" degli strumenti obbligazionari - che prevede una svalutazione o la conversione in azioni - i regulator contano di garantire alla banca in difficoltà di avere le risorse per rimanere in piedi (ed essere ricapitalizzata) senza tuttavia pesare sulle casse degli Stati, come invece accaduto durante la crisi finanziaria.
Benché entrino in vigore nel 2019, i requisiti Tlac rischiano di diventare da subito un benchmark per il mercato. «È plausibile ritenere che gli operatori di mercato e gli analisti finanziari inizieranno a richiederne l'osservanza subito dopo la sua definitiva approvazione», aveva detto nei mesi scorsi il direttore generale dell'Abi, Giovanni Sabatini. Del resto così è accaduto con i requisiti di Basilea 3, che sono stati da subito incorporati nelle stime di analisti e operatori. Le novità potrebbero poi incidere sul costo della raccolta, rendendo in alcuni casi più costose le emissioni di bond subordinati rispetto a quelle di strumenti magari non completamente computabili. Ma le richieste dell'Fsb sono destinate ad avere un rilievo anche per le altre banche non sistemiche, che oggi fanno i conti con il requisito europeo del Mrel (Minimum Requirement Eligible Liabilties, il requisito minimo di passività soggette a bail-in) previsto dalla Brrd. Difficile, insomma, che nel medio periodo il mercato non chieda una perfetta coincidenza tra Mrel e Tlac, come del resto fatto intuire anche dai regulators. Con un nuovo aggravio anche per le banche minori.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Elenco dei cattivi pagatori: cos'è e conseguenze per gli...
Più tempo per la formazione
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Il factoring corre più veloce della ripresa
Vigilanza, non scordiamoci della Consob
Un benefit per ogni età, così Philip Morris rivoluziona il...
Norme anti scorrerie, così avrebbero frenato Lactalis...
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Prestito sociale, si stringe sulla riforma
Robo-advisory per small e mid cap
L'Ue affida più poteri all'Esma sui mercati finanziari
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
Il big bang, dieci anni dopo. Che cosa è cambiato a Wall...
Terzo settore, riforma in 42 passi
Il risparmio gestito corre ma non basta
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Aziende, la crisi dei giovani manager
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)