Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Bail in, Opa,voto di lista: la Consob critica ma ha le sue colpe
di Alessandro De Nicola
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 22 maggio 2017

Il rapporto annuale del presidente della Consob Vegas di qualche giorno fa contiene una serie di spunti. Il primo bersaglio di Vegas è il meccanismo del bail-in che a suo giudizio è stato attuato senza un'adeguata fase di transizione portando ad uno «shock normativo, che ha contribuito a minare la fiducia nel sistema bancario». Infelice e poco ponderata sarebbe la scelta «di adottare la nuova disciplina con effetto retroattivo» e il coinvolgimento nel salvataggio delle banche dei correntisti superiori a 100mila euro. Anzi, secondo il presidente di Consob bisognerebbe estendere la protezione a tutti gli obbligazionisti fino a 100mila euro. La critica relativa all'inclusione dei depositanti tra chi paga le conseguenze del bail in è centrata: si tratta di soldi non della banca che se fossero messi dentro una cassetta di sicurezza dello stesso istituto, ad esempio, non sarebbero toccati. Perché questa differenza? Al contrario, gli obbligazionisti sono creditori come altri, semmai spetta alla Consob far si che l'informazione al pubblico sia adeguata e non si vendano prodotti complessi alla mitica casalinga di Voghera. Nella relazione si fa un altro appunto all'Europa che riguarda la disciplina delle offerte pubbliche di acquisto. La Direttiva Europea ha lasciato ampi margini di discrezionalità agli Stati membri nella sua applicazione. La conseguenza è che l'Italia ha una legge sulle scalate ostili più restrittiva di prima ma molto più liberale di altri ordinamenti e ciò creerebbe problemi di asimmetria e disparità di trattamento tra i diversi paesi. Giusto, ma non è necessariamente uno svantaggio. Ci si può dolere che alcuni mercati finanziari in Europa rimangano chiusi, ma il fatto che il nostro sia aperto è comunque un plus da preservare. I britannici da sempre non hanno posto ostacoli ai take-over ostili: non è il solo motivo, ma non è un caso che la piazza finanziaria di Londra sia una delle due più importanti del mondo. Tra le novità normative annunciate nella relazione c'è l'entrata in vigore della Mifid 2 che disciplinerà la consulenza indipendente (bene, ce ne sarà sempre più bisogno) e attribuirà a Consob il potere di vietare prodotti troppo complessi o opachi. Nella direzione di maggiore trasparenza va il prossimo Regolamento europeo sui prodotti finanziari pre-assemblati che prevede un obbligo che dovrebbe essere la regola generale per qualsiasi strumento finanziario, ossia l'affiancamento al tradizionale prospetto informativo di un Key Information Document, fondamentale per agevolarne la comprensione. Ed infatti, anche il legislatore europeo dovrebbe approvare a breve il nuovo Regolamento sul prospetto, elaborato al fine di evitare prospetti troppo corposi e poco fruibili per gli investitori. In tema di rapporto società-soci è stata anche intrapresa la revisione dell'attuale direttiva sui diritti degli azionisti, volta a stimolarne la partecipazione alla governance. Riprendendo uno studio di dirigenti Consob, il presidente Vegas ha poi sollecitato un ripensamento del voto di lista che, a suo parere, rischia di creare situazioni in cui la lista di maggioranza è eletta da soci che hanno la minoranza dei voti e viceversa e quindi forse è il caso che il meccanismo di elezione di amministratori di minoranze sia lasciato nella disponibilità della singola società che deciderà se inserirlo in statuto. Orbene, sebbene su materie diverse, tutte queste parti si legano assieme. Primo: l'Autorità deve assicurare la trasparenza e proteggere alcune specifiche fasce retail, ma non è opportuno che decida più di tanto sulla bontà dei prodotti, altrimenti rischia di aumentare i costi di compliance e di rallentare l'innovazione. Dovrà quindi utilizzare i suoi poteri con prudenza. Quanto al voto di lista, sarebbe bene che gli amministratori di minoranza avessero il requisito di indipendenza come quelli che candida Assogestioni, ma non si può fare una colpa agli investitori istituzionali se i gruppi di maggioranza relativa non convincono la maggioranza assoluta delle assemblee. Semmai, come nelle public company anglosassoni, anche in Italia avremo prima o poi gli organi delegati nominati dai fondi. Insomma: chiarezza, trasparenza, indipendenza e apertura dei mercati vanno benissimo. L'interventismo a fin di bene invece spesso perde il bene per strada e rimane solo interventismo.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi presentare la tua business idea?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Più tempo per la formazione
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Consulenti finanziari autonomi al via
È pignorabile una polizza?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Banche italiane più sicure: la classifica
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Riforma dei confidi in salita
Le incognite che vede la Bce
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)