Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.692
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Aziende, la crisi dei giovani manager
di Massimiliano Di Pace
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 12 giugno 2017

Nel mondo dei dirigenti industriali italiani c'è stata una rottamazione all'incontrario. Lo dicono i dati di Federmanager, la federazione dei dirigenti industriali. Dal 2011 al 2016 si è registrata una riduzione di 4.666 unità (nonostante la leggera crescita avvenuta nell'ultimo anno, la prima volta dal 2011), a carico per tre quarti dei dirigenti under 40. Il numero di questi ultimi si è infatti quasi dimezzato in 6 anni (da 7.644 del 2011 a 4.000 nel 2016). Ma come è potuto succedere? «Sono stati in effetti i dirigenti più giovani a pagare la crisi – afferma Stefano Cuzzilla, presidente di Federmanager – e questo per varie ragioni, a cominciare dal fatto che le imprese preferiscono professionisti già esperti, che non richiedono investimenti in formazione, e flessibili, o meglio, utilizzabili in diversi settori aziendali, mentre i giovani hanno spesso una specializzazione, che li rende più difficilmente impiegabili in aree estranee alla loro expertise». In controtendenza rispetto alla categoria, sono cresciuti in termini numerici i dirigenti over 50, passati da 35.910 del 2011 a 41.319 del 2016, con un aumento quindi superiore al 15%. Come mai? «L'età pensionabile sempre più alta, e i rapporti personali collaudati tra proprietà e i dirigenti più anziani, hanno giocato a favore di questi ultimi – ammette il presidente di Federmanager -. Inoltre, se è vero che un dirigente più giovane costa meno di uno più anziano, quest'ultimo può vantare una migliore conoscenza delle dinamiche interne delle aziende e una maggiore capacità di adattamento alle diverse situazioni, che consente loro di essere più proficui». Un altro elemento che emerge dai dati di Federmanager è la sensibile riduzione di imprese industriali con almeno un dirigente nel proprio organico: da 18.724 del 2011 a 15.933 nel 2016 (-14,9 per cento). «In Italia – continua Cuzzilla – la piccola dimensione delle imprese da una parte, e la loro gestione spesso familiare, anche in realtà di grande eccellenza, dall'altra, fa sì che le posizioni manageriali siano sottodimensionate rispetto alle necessità. D'altronde in molte Pmi, la maggiore preoccupazione degli attuali imprenditori è il passaggio generazionale, piuttosto che l'inserimento di figure manageriali, che possono essere percepite come occasioni di incremento di costi». Secondo Federmanager questo trend potrà essere ribaltato con il Piano del governo per l'industria 4.0, che si basa su un impiego sempre più pervasivo di dati e informazioni, nonché di tecnologie, per la cui realizzazione risulterà indispensabile introdurre figure manageriali. Dunque luci ed ombre per il futuro mercato del lavoro manageriale in Italia, che deve stimolare i giovani brillanti nel tentare percorsi professionali che portano alla dirigenza, come suggerisce il presidente di Federmanager: «L'industria italiana continua ad avere bisogno di manager, ed in particolare di 4 profili: export manager, visto che uno dei punti di forza dell'economia italiana è la vendita all'estero, tanto che ogni anno oltre 200mila imprese italiane esportano circa 400 miliardi di euro di merci, un quarto del nostro Pil; temporary manager, che sono delle figure che mettono a disposizione per un limitato periodo di tempo le loro competenze e capacità gestionali per il perseguimento degli obiettivi di progetti, che costituiscono ormai lo strumento imprenditoriale per eccellenza; manager di rete, considerato che in Italia molte imprese di piccole dimensioni possono veder crescere la loro competitività solo lavorando insieme; innovation manager, che sono coloro in grado di traghettare le aziende nella nuova dimensione digitale e delle tecnologie avanzate». Ma quali sono i requisiti per diventare dirigente alle nostre latitudini? «Oltre ad un ottimo percorso universitario, e a un Mba, da considerare ormai come un pre-requisito – chiosa Cuzzilla – può risultare fondamentale un'esperienza in una Pmi, dove si ha la possibilità di dimostrare quanto si vale, e soprattutto di vedere l'intero funzionamento di un'azienda, esperienza improbabile se si lavora in grandi gruppi. Per questo suggerisco ai giovani di accettare incarichi anche in realtà imprenditoriali meno famose, ma non per questo meno arricchenti». Per il resto Federmanager ricorda che sono sempre valide competenze come la capacità di gestire le relazioni (con i clienti, i finanziatori, i colleghi), e quella di lavorare in squadra, dove una buona dose di leadership è certamente vantaggiosa. «Per ultimo – sottolinea Cuzzilla – raccomando sempre di sviluppare la capacità di scrivere in modo chiaro e conciso, in quanto, soprattutto all'estero, buona parte del flusso decisionale avviene in forma scritta, ed in ogni caso, lasciare traccia del proprio operato è utile sia per tutelare la propria reputazione, sia per salvaguardarsi da eventuali problematiche legali». Quante posizioni manageriali saranno disponibili in futuro è difficile prevederlo oggi, ma di certo, secondo il presidente di Federmanager, molto dipenderà dalla politica industriale: «Oggi questa è inesistente, ma occorrerà pure, prima o poi, metterci mano, e puntare al progressivo smantellamento degli ostacoli che impediscono attualmente la crescita dell'industria italiana. Mi riferisco al problema del credito, che oggi soffoca le potenzialità di molte imprese, a quello del fisco, o meglio all'eccessivo cuneo fiscale, che fa sì che il divario tra costo del lavoro e salario netto sia superiore per i dirigenti al 100%, e alla mancanza di un piano di investimenti infrastrutturali, in particolare per logistica ed energia, che superi i limiti di scelte prese in un'ottica di breve termine».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Personalizzazione del logo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Al via la formazione obbligatoria per i revisori legali
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
«Noi, commercialisti specializzati come i medici»
L'Italia torna ad attrarre gli investimenti esteri, balzo del...
Bail in, Opa, voto di lista: la Consob critica ma ha le sue...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
La Penisola tra i Paesi meno virtuosi, ma affiorano segnali...
Le matricole di Piazza Affari crescono e battono gli indici
Commercialisti «Per salvarsi devono accettare di associarsi»
Credito, 225 milioni per i confidi
E gli istituti prenotano 50 miliardi di euro, è ossigeno che...
Banche e imprese, un rapporto in salita
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Private equity, la ritirata degli speculatori
Tribunali, affari e cronache rosa: ecco cosa resta dei...
Filosofi, filologi e antropologi le aziende ora cercano umanisti
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
Intesa Sanpaolo guadagna 500 milioni con i fondi della...
I professional italiani più deboli di quelli europei
E' giusto che lo Stato salvi Mps
Stipendi dei manager: quelli degli executive crescono più...
Le disuguaglianze frenano la crescita, ridurle rilancia il Pil
Un limite alla responsabilità dell'avvocato
Il Cerved scova 10 mila pmi innovative
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
L'Uomo dei numeri anche nelle Pmi
Sofferenze bancarie, quali sono le colpe dei manager allo...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)