Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.740
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
di Massimiliano Di Pace
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 3 luglio 2017

Una professione che non conosce crisi quella degli attuari, e il cui futuro pare proprio roseo. Lo dichiara con soddisfazione Giampaolo Crenca, presidente del consiglio nazionale degli attuari: «Attualmente in Italia vi sono circa mille attuari iscritti all'albo, quasi tutti impiegati in compagnie assicurative, società finanziarie, fondi pensione, enti previdenziali, ed anche in aziende non finanziarie, come quelle industriali. Circa l'85 per cento lavora come dipendente, mentre la quota restante opera come libero professionista». Insomma una professione con un tasso di disoccupazione vicino allo zero, circostanza probabilmente dovuta sia alla ridotta offerta, sia all'incremento della domanda da parte del mondo del lavoro. Ma cosa fa l'attuario? In sostanza la valutazione del rischio, come spiega Crenca: «Questa valutazione si effettua mediante la misurazione, con strumenti statistici, matematici, finanziari e probabilistici, di fenomeni incerti e aleatori, i cui risultati vengono riportati in una relazione, che permette al committente di prendere le opportune decisioni». Queste decisioni variano a seconda dei settori, ed in alcuni di questi l'intervento dell'attuario è sempre più richiesto. Il numero degli attuari è dunque sottodimensionato, lo ammette anche il presidente del consiglio nazionale degli attuari: «La nostra figura è molto specialistica, oltre che complessa, e presuppone un forte interesse per la matematica applicata. Insomma, non è un mestiere per tutti. A questo si aggiunge che si tratta di una professione poco conosciuta, tanto che da alcuni anni l'ordine professionale si è impegnato in una campagna di comunicazione, basata sulla presenza nei media e sugli incontri istituzionali, con il fine di dare maggiore visibilità alla categoria. E i primi risultati si vedono, visto che vi è stato un aumento delle iscrizioni nei corsi di laurea che consentono l'accesso alla professione». Per diventare attuari occorre possedere una laurea magistrale in statistica, oppure in finanza, o in scienze statistiche, attuariali e finanziarie. A quel punto si può subito procedere con l'esame di Stato, non essendo previsto un praticantato. Vi sono 2 esami di Stato ogni anno, in 2 sedi: Roma e Trieste. L'esame si basa su 2 prove scritte, una prova pratica, consistente nella soluzione di un problema attuariale, e una prova orale. Il tasso di successo è molto elevato: il 95 per cento. In definitiva, pare che non vi siano difficoltà particolari ad accedere alla professione, a condizione, ovviamente, di essere molto preparati. E che essa possa essere fonte di soddisfazioni lo conferma anche una ricerca condotta dal sito specializzato Careercast.com, che segue il mercato del lavoro internazionale, secondo la quale la migliore professione negli Stati Uniti per il 2015 è stata proprio quella dell'attuario. Una felicità per pochi, visto che secondo i dati forniti dal consiglio nazionale degli attuari italiani, questi professionisti sono merce rara nel mondo: 80mila, di cui 22mila in Europa. «Sono 3 le esigenze in continuo incremento, che spiegano l'aumentato fabbisogno di attuari», spiega Crenca. «La prima deriva dall'aumentata sensibilità del mondo delle imprese verso i rischi, per cui si richiede sempre di più una loro valutazione, così da poter prendere le misure per ridurne la portata. In questo caso l'attuario quantifica le probabilità dell'evento dannoso e la dimensione economica delle sue conseguenze. Se queste sono elevate, l'azienda potrà decidere di prendere quelle misure di sicurezza, oppure assicurative, i cui costi sono inferiori al valore del rischio». In effetti, i rischi che oggi le aziende affrontano sono molteplici: si va da quelli classici di incendio e furto, passando per quelli finanziari, e finendo con quelli meno tradizionali, come i rischi reputazionali o di perdita dell'operatività. Per realizzare un intervento, l'attuario ha bisogno che siano soddisfatte due condizioni: una policy aziendale di risk management e la disponibilità di dati, che permettano appunto la quantificazione dei rischi. «Un secondo settore che sta richiedendo sempre più la presenza dei nostri professionisti – continua il rappresentante degli attuari – è quello dei fondi sanitari, dove siamo chiamati a quantificare il premio da far pagare agli assicurati e a verificare l'equilibrio tecnico ed economico del fondo. Laddove poi il fondo intenda trasferire la gestione del rischio ad un'assicurazione, l'attuario contribuisce alla definizione del bando di gara per la scelta della compagnia». Il terzo settore che sta richiedendo sempre più attuari è quello delle assicurazioni ramo danni, come chiarisce Crenca: «Gli attuari sono sempre più impiegati per la quantificazione dei premi per le coperture assicurative della responsabilità civile, compresa quella per le auto, e dei relativi accantonamenti che le compagnie devono predisporre. A questo si aggiunge che delle norme comunitarie (Solvency II) hanno richiesto, a partire dal primo gennaio del 2016, la presenza obbligatoria per tutti i rami danni di un attuario, che svolga delle attività tecniche per garantire la solvibilità delle compagnie».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere garanzie ai confidi?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
I titoli atipici di Bagnasco, Cultrera e Sgarlata. L'Italia...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Commercialisti, medici, ingegneri ora c'è chi controlla il...
Sempre meno, sempre più in rosso: per i confidi va...
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Credito, 225 milioni per i confidi
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Bail-in banche, fondi e Sicav si salvano ma ora spunta un...
McKinsey: «Le imprese a caccia di manager specializzati in...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)