Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a Wall Street
di Eugenio Montesano
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 10 aprile 2017

Per le startup, il primo round di finanziamento rappresenta il battesimo del fuoco, il rito di passaggio per trasformare un progetto in un business. Ma è la quotazione in Borsa a costituire il passaggio all'età adulta e l'apertura alla più grande platea di investitori possibile. Nel caso degli unicorni, le startup valutate oltre un miliardo di dollari sui mercati privati e finanziate tramite venture capital, ci sono due strade per trasformarsi in orsi o tori: attraverso fusioni e acquisizioni, oppure attraverso offerte pubbliche iniziali. Non è un percorso facile: gli ultimi tre anni hanno registrato una media di 25 uscite tra M&A e Ipo: 32 nel 2014, 20 nel 2015 e 23 nel 2016. Di questo passo, ci vorrebbero oltre sette anni per assistere allo sbarco in Borsa dei 188 unicorni attualmente in circolazione. Da inizio anno sono due gli unicorni entrati al Nasdaq, l'indice dei principali titoli tecnologici della borsa americana: Snapchat e Mulesoft (società di big data che produce software per integrare applicazioni, dati e dispositivi). L'auspicio dei venture capitalist è che queste società inaugurino una stagione di Ipo necessaria per ridare linfa vitale al settore. Secondo rilevazioni Thomson Reuters solo 20 startup tecnologiche sono diventate pubbliche nel 2016, il dato più basso dal 2008. L'anno in corso potrebbe essere quello del rilancio. Con la graduale dismissione delle politiche monetarie accomodanti da parte delle banche centrali mondiali e le robuste performance dei mercati azionari, lo stato d'animo degli investitori è favorevole e molti analisti prevedono un rimbalzo per le attività di Ipo dopo un anno in cui l'incertezza geopolitica globale legata alla Brexit e all'elezione di Trump ha portato molte start-up a scegliere di rimanere private, continuando a fare affidamento sul venture capital e sul private equity. Per Greg Becker, amministratore delegato di Silicon Valley Bank, istituto che eroga prestiti a società tecnologiche finanziate da venture capital, saranno almeno 30 le startup che troveranno uno sbocco in borsa. Gli esempi virtuosi non mancano. Twilio e Nutanix, i due Unicorni tecnologici che hanno lanciato un'Ipo nella seconda metà del 2016, hanno finora riportato buone performance e scambiano entrambe al di sopra del prezzo iniziale di offerta. Oggi Twilio ha una capitalizzazione di Borsa di 2,35 miliardi di dollari – al momento dell'Ipo era valutata 1,23 miliardi. Stesso discorso per Nutanix, valutata 2,18 miliardi in sede di Ipo, ha incrementato il market cap agli attuali 2,62 miliardi. Secondo CB Insights, società specializzata nella ricerca sui trend di mercato nel segmento del venture capital, ci sono molti altri Unicorni in procinto di spiccare il volo verso Wall Street. L'analisi, contenuta nell'edizione 2017 del report "Tech IPO Pipeline" evidenzia 86 aziende con le carte in regola per lo sbarco in Borsa. Oltre ai soliti noti – Uber, Airbnb, la società di pagamenti online Stripe, la piattaforma di messaggistica Slack – gli analisti di CB Insights indicano cinque società pronte all'IPO. Al primo posto c'è Okta, società attiva nel settore della cybersecurity che fornisce software di gestione delle identità online. Valutata 1,2 miliardi, è diventata unicorno nell'agosto 2015 arrivando all'IPO a otto anni dalla fondazione, avvenuta nel 2009 a San Francisco. Apttus, società di software e servizi online, aiuta gli addetti alle vendite a stilare preventivi rapidi su gamme multiple di prodotti. Lo scorso settembre, il ceo Kirk Krappe ha confermato a Forbes l'intenzione di lanciare un'offerta pubblica iniziale entro il primo semestre del 2017. Anche Pluralsight, società basata nello Utah che realizza piattaforme di e-learning on demand per scuole e aziende, medita l'Ipo da tempo. Secondo il sito TechNavio, il mercato globale dell'e-learning aziendale crescerà dell'11% all'anno per un valore di 31 miliardi di dollari entro il 2020. Con oltre cinquemila corsi disponibili, la società guidata da Aaron Skonnard è tra i leader di mercato in America. Diverso il settore in cui opera Blue Apron, azienda di eCommerce che offre un servizio di consegna pasti a domicilio molto popolare negli Stati Uniti, che prevede la scelta di una ricetta tra le centinaia disponibili sul sito della società, sulla base della quale si riceverà una scatola contenente tutti gli ingredienti necessari, nell'esatto quantitativo per le porzioni indicate. Infine c'è Cloudera, società di big data che offre soluzioni per la gestione dei database aziendali attraverso un'unica piattaforma su cui memorizzare, elaborare e analizzare i dati. Il gruppo guidato dal Ceo Tom Reilly è diventato un unicorno nel marzo 2014, e oggi è valutato 4,1 miliardi di dollari secondo le stime di Intel, che nel marzo 2014 ha investito 740 milioni per acquisirne il 18%.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Dirigenti d'azienda: dove e come si guadagna di più
Più tempo per la formazione
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Tamburi: banche troppo generose, gli Npl una lezione
La voglia di digitale fa ripartire investimenti e credito...
Piazza Affari, ecco i compensi dei manager
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
La persona torna al centro, la tecnologia fa da supporto...
Caccia alle commissioni, così cambia il modello delle...
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
Banche, l'anno zero dopo la tempesta: la crisi del credito...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Robo-advisory per small e mid cap
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Sinai: «Attenti agli eccessi del liberismo»
Avvocati, medici e notai, cresce la competizione con...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Consulenti finanziari autonomi al via
È pignorabile una polizza?
Collegio sindacale: procedure di controllo della liquidità...
Banche italiane più sicure: la classifica
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
Riforma dei confidi in salita
Le incognite che vede la Bce
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Cereda: «Innovare è un obbligo ma prima c'è il fattore...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)