Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.740
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
di Luca Davi e Marco Ferrando
Il Sole 24 Ore
Martedì 29 agosto 2017

Le incognite sulla strada del salvataggio (e i potenziali colpi di scena) non mancano. Ma il dossier relativo al passaggio delle tre Casse di Cesena, Rimini e San Miniato da parte di Crédit Agricole intanto fa un passo in avanti. Perché in questi giorni, a quanto risulta a Il Sole 24 Ore, Atlante 2 sarebbe riuscito a formare il consorzio di sette banche (tra cui risulterebbero Banca Imi e Natixis) che sottoscriverà la tranche senior della cartolarizzazione degli Npl dei tre istituti, in un investimento pari a 416 milioni in termini nominali.
Gli allarmi lanciati a inizio agosto dall'ad di Quaestio Sgr Paolo Petrignani, che vedeva nella dead-line del 10 settembre un termine troppo stretto per la formalizzazione dell'impegno finanziario, avrebbero dunque smosso le acque. E così, anche grazie alla moral suasion di Via Nazionale sulle stesse banche d'investimento, il dossier si sarebbe sbloccato, permettendo così di mettere un punto almeno sulla sottoscrizione della parte più garantita degli Npl delle tre casse. Un tassello che va a fare coppia con quello relativo alla tranche equity da 213 milioni, che sarà sottoscritta integralmente dallo Schema volontario del Fondo interbancario di tutela dei depositi.

Il tassello mancante
Tutto bene, dunque? Non proprio. Perché ora da superare c'è un ultimo, e ancora più impegnativo, scalino. Per poter deconsolidare, entro fine dicembre, i 3,152 miliardi lordi di Npl delle tre Casse (al prezzo concordato di 1,263 miliardi, pari al 38%) serve infatti coprire la tranche mezzanina, più rischiosa di quella senior e assai voluminosa. L'asticella massima del fabbisogno è fissata a 624 milioni nominali. A sottoscrivere la tranche si era impegnato lo stesso Atlante 2, che però aveva subordinato l'operazione a un cofinanziamento insieme ad altri soggetti. Anche perché la potenza di fuoco del veicolo che fa capo al fondo di Quaestio Sgr è quella che è: a disposizione ci sono 150 milioni, elevabili di altri 100 in caso di co-investimento di Fonspa. Ma non bastano, visto che servono 250 milioni per coprire tutta la tranche mezzanina, particolarmente ingente vista una junior limitata alle disponibilità dello Schema volontario.
Senza contare che altri 200 milioni di Npl, emersi in una seconda fase, devono ancora essere analizzati da Atlante. «Ad oggi non sono disponibili le risorse per finanziare l'investimento», avevano messo in chiaro i vertici di Atlante 2 nella lettera inviata al Fitd e alle stesse banche da salvare.

Atlante 2 riapre
Da qui, dunque, la massima attenzione dedicata al tema da parte delle Authority. Che già oggi faranno il punto, in un incontro riservato che si terrà a Roma tra gli uomini del Mef e di Banca d'Italia. Obiettivo: trovare la quadra definitiva e mettere in sicurezza uno degli ultimi dossier spinosi del sistema bancario italiano, dopo quelli di Mps e delle Venete.
La soluzione, ora, potrebbe passare da un potenziamento della forza di fuoco di Atlante 2. Per questo uno dei prossimi passi è costituito dalla riapertura dei termini per favorire nuove sottoscrizioni nel capitale del veicolo acquista-Npl. I termini sono scaduti infatti a fine luglio, e ora si rende necessaria la convocazione di una nuova assemblea (che potrebbe tenersi a stretto giro, forse già in settembre), cui toccherà cambiare lo statuto e favorire nuove sottoscrizioni. Tra queste ci dovrebbe essere la stessa Sga, che metterebbe altri 150 milioni circa. Ma non sono escluse iniezioni anche più sostanziose, così da coprire il "buco" da 250 milioni e completare la sottoscrizione della mezzanina, mentre altri propenderebbero per un maggior ricorso al debito.
L'impresa non è facile. Sia per il profilo rischio-rendimento dell'investimento, sia perchè il tempo stringe. Tra una decina di giorni, come detto, scadono i tempi per la presentazione delle lettere di impegno di Atlante 2 e altri investitori. Ed entro il 30 settembre tutti i contratti delle parti coinvolte dovranno essere chiusi, così da dare il via all'esecuzione entro fine anno. Se le scadenze non fossero rispettate, per le banche si aprirebbero scenari incerti. In particolare per Rimini e San Miniato, i cui ratio patrimoniali sono al di sotto dei minimi di Vigilanza. Senza il necessario aumento di capitale, i due istituti correrebbero il rischio di finire in liquidazione. Un'ipotesi, questa, che sia il Mef che Banca d'Italia vogliono evitare a tutti i costi.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Più credito alle Pmi per accelerare la crescita
Bonifici sospetti verso familiari: scatta il blocco del conto
Possibile il pignoramento del conto Paypal?
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Popolare di Bari: 70.000 azionisti truffati, l'inchiesta fa...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Startup: gli incubatori non sono investitori, ma formatori...
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Innovazione aziendale, alla ricerca di nuove formule e di...
Professioni, l'equo compenso agli avvocati scatena...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Stare insieme non è un tabù, avvocati e commercialisti...
Microcredito più prestito d'onore: volano le startup
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Robo-advisor, concorrenza e riforme si apre la guerra sulle...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Carige, la crisi sotto la Lanterna. Npl e vecchio sistema di...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
I titoli atipici di Bagnasco, Cultrera e Sgarlata. L'Italia...
Manager, l'elogio della lentezza: «Così possono diventare...
Popolari e casse non quotate arriva il nuovo borsino per...
Commercialisti, medici, ingegneri ora c'è chi controlla il...
Sempre meno, sempre più in rosso: per i confidi va...
Vacchi: «Il distretto alla bolognese un modello di filiera...
Cuneo fiscale, chi guadagna con il taglio
La crisi delle banche italiane spiegata (con parole semplici)...
Credito, 225 milioni per i confidi
L'export frenato da formato bonsai delle ditte
Garonna: «Con il mercato unico dei capitali grandi...
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
Bail-in banche, fondi e Sicav si salvano ma ora spunta un...
McKinsey: «Le imprese a caccia di manager specializzati in...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)