Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.752
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Anche Unionfidi Piemonte in liquidazione, ecco perché scricchiola il sistema Confidi
di Carmen Acerra (Rating Specialist, Corporate Ratings, Crif)
Pagine web bebeez.it
Venerdì 22 settembre 2017

Un anno dopo il fallimento di Eurofidi, il più grande consorzio italiano di garanzia, c'è un nuovo caso di default nel sistema Confidi. Anche questa volta si tratta di un Confidi piemontese, Unionfidi Piemonte che con i suoi 335 milioni di euro di garanzie rilasciate rappresentava uno dei principali player regionali. Come per Eurofidi, la scarsa redditività, l'inefficacia dei sistemi interni di monitoraggio del credito oltre che la revoca della controgaranzia pubblica sono le motivazioni principali sottostanti alla crisi.
La struttura economico-patrimoniale di Unionfidi evidenziava già da diversi anni forti criticità, legate alla scarsa redditività e al deterioramento del portafoglio garanzie, appesantite da elementi esogeni quali il ridimensionamento del mercato della garanzia, la concorrenza diretta del Fondo Centrale di Garanzia (di seguito "FCG") e la minore contribuzione pubblica.
Dalla visita ispettiva condotta da Banca d'Italia nei primi mesi del 2017, è scaturita l'iscrizione in bilancio di significative rettifiche di valore sulle garanzie rilasciate in considerazione di una situazione di "notevole sofferenza ascrivibile a perdite su crediti inesigibili". Unionfidi si è trovato costretto a maggiori accantonamenti a fondo rischi per 13 milioni, di cui circa 2 milioni determinati dall'inefficacia della controgaranzia rilasciata da MedioCredito Centrale ("MCC"), gestore del FCG. L'impatto è stato insostenibile: perdita di esercizio di 15 milioni, drastica contrazione del patrimonio di vigilanza a garanzia degli impegni assunti e deterioramento del Tier1 allo 0,5% di fronte alla soglia minima del 4,5% prevista dalla normativa. Inevitabile è stata la messa in liquidazione dopo che il regolatore aveva sospeso l'autorizzazione al rilascio di nuove garanzie il 24 luglio scorso. L'erosione del patrimonio ha poi contribuito ad indebolire il profilo finanziario e l'asset quality: nel 2016 la dotazione di risorse (fondi e patrimonio) risultava inadeguata rispetto alla perdita attesa e inattesa sul portafoglio garanzie stimata da Crif Ratings intorno ai 100 milioni, determinando un deficit patrimoniale stimato in 19 milioni.
Anche sotto il profilo della liquidità, Unionfidi evidenziava problematiche connesse alla capacità di copertura di posizioni in deteriorato. A fine 2016, Crif Ratings stimava attività finanziarie disponibili pari a poco più di 35 milioni su un totale di garanzie rilasciate di 335 milioni, di cui 176 milioni in deteriorato. Il graduale decadimento del portafoglio garanzie veniva confermato da un grado di deterioramento in progressivo peggioramento nell'ultimo triennio, attestatosi al 57% nel 2016 dopo il 55% del 2015 e il 51% del 2014.
Dal punto di vista reddituale, la perdita d'esercizio del 2016 è ascrivibile oltre che alle maggiori rettifiche suggerite da Banca d'Italia, anche alla svalutazione della partecipazione di minoranza in Veneto Banca per 1,7 milioni (a seguito delle vicende che hanno interessato il gruppo bancario nel corso del 2016) e alla pesante struttura dei costi operativi che risultavano superiori al margine di intermediazione sia nel 2015 che nel 2016
Unionfidi Piemonte, anche nel 2014 era stato oggetto di un'ispezione da parte di Banca d'Italia a seguito della quale aveva iscritto in bilancio rettifiche di valore per 22 milioni, evidenziando, già da allora, inefficienze nel sistema di monitoraggio del credito. Due anni dopo poco è cambiato nella gestione dell'attività core del Confidi e appare quasi naturale la mancata disponibilità dei soci alla ricapitalizzazione e la conseguente messa in liquidazione.

Perché altri Confidi possono rischiare il default
Al netto dell'incidenza del portafoglio deteriorato molto alta e delle inefficienze dei sistemi di monitoraggio interni che determinavano accantonamenti non adeguati al rischio, il default di Unionfidi Piemonte presenta altri tratti in comune con il caso Eurofidi, una circostanza che suggerisce un'attenzione costante su un possibile effetto contagio.
Da una parte, il problema della scarsa redditività. La ricerca di dimensioni operative maggiori sotto la spinta della nuova normativa è uno stimolo all'efficienza che tuttavia, se non adeguatamente gestito e finanziariamente supportato, può accelerare l'emergere di crisi irreversibili. La multi-settorialità e l'allargamento dell'operatività oltre i confini regionali necessitano di strutture operative adeguate e un altrettanto adeguato presidio del territorio di riferimento e del rischio assunto. Questo, tuttavia, implica investimenti che, con ricavi e aiuti pubblici sempre minori, diventano a volte insostenibili. La scarsa redditività è un tema diffuso tra i Confidi; è evidente che senza un miglioramento sul fronte dell'efficienza e un più accurato monitoraggio del rischio, il sistema di garanzia non uscirà fuori dalla crisi sistemica in cui versa.
Dall'altra parte, l'inefficacia della controgaranzia pubblica che espone i Confidi al rischio di maggiori perdite. In linea teorica i controlli ex-ante realizzati da MedioCredito Centrale dovrebbero favorire la presentazione di pratiche conformi ai requisiti di ammissibilità alla controgaranzia del FCG. Tuttavia le verifiche ex-ante coinvolgono una quota marginale (circa il 5%) del totale delle pratiche presentate e accolte, mentre la gran parte dei vizi di sostanza e di forma emerge solo ex-post a seguito delle escussioni, una circostanza che provoca la revoca della controgaranzia inizialmente rilasciata e conseguentemente gravosi accantonamenti a fondi rischi e assorbimenti di capitale. Accanto al tradizionale rischio di credito, le ultime vicende hanno evidenziato un rischio operativo legato alla revoca della controgaranzia statale. Se questo diventerà una prassi, l'efficacia dell'azione di intermediazione svolta dai Confidi sarà sempre più in dubbio, contribuendo ad incrementare il ricorso diretto al FCG da parte degli istituti di credito con ulteriore impatto negativo sul mercato della garanzia.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Come si è evoluto il dizionario del controllo di gestione?
Fari puntati sulla responsabilità
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Con quale frequenza si può prelevare dal conto?
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Quali rischi a lasciare troppi soldi sul conto corrente?
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
Via l'Ape, la carica degli 80 mila
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Terzo settore, riforma in 42 passi
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Pratico, semplice, veloce: il prestito tra privati si fa largo...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Attuari, pochi e ricercatissimi: «Calcoliamo i rischi aziendali»
Banche venete, troppi errori e gli aiuti di Stato finiscono...
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Notai, avvocati, commercialisti: «Riciclaggio, troppe...
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
La fattura si sconta sul web. Al galoppo le aziende fintech
Come riconoscere la solidità di una banca
Belpaese, solo il 37% "comprende" la finanza
«Troppo poche le cartolarizzazioni così le banche bruciano...
Pir, ci vogliono più Pmi di qualità
Nuove regole europee sulla privacy: servono 45mila esperti
Assicurazioni, il direttore finanziario diventa strategico
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Attenti a quei cinque Unicorni, startup che voleranno a...
Reati penali societari in forte aumento e lo studio legale...
Export e innovazione, la ricetta vincente delle magnifiche...
Soltanto il 24% delle aziende consente la flessibilità negli...
Tagliare con intelligenza. I nuovi manager che fanno...
Credit crunch, sale la richiesta di finanziamenti ma il...
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Cuonzo: «Perché non funziona il Tribunale delle imprese»
I manager che piacciono al private equity
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)