Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.606
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Al robot sopravviveranno artigiani e geni informatici
di G. Mar.
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 1 febbraio 2016

«I mercati in rete faciliteranno la vendita di manufatti artigianali, e delle produzioni in quantità ridotte, destinati a soddisfare le esigenze di un numero di persone sempre crescente che preferisce il locale, il biologico, il creato-su-misura alle produzioni di massa». Ed è con questa motivazione che l'artigianato è stato incoronato come uno dei dieci lavori più favoriti del prossimo decennio assieme, tra gli altri, a occupazioni come l'analista di dati informatici e l'infermiera specializzata nella cura di anziani, l'ingegnere (e tutte le attività tecniche della filiera) per impianti di energie rinnovabili e lo sviluppatore di software. Lo ha stabilito una indagine condotta tra i centri di ricerca economici più accreditati del Regno Unito, coordinata dalla esperta di nuovi lavori Laura Whateley, per il primo numero del 2016 della rivista patinata londinese di economia e stili di vita "The Resident". Da Londra è arrivato, quindi, un antidoto a Davos, sede del consueto vertice mondiale dell'economia organizzato dal World Economic Forum. Dove, tra sondaggi, statistiche e ricerche, è stato presentato anche il rapporto su "The Future of Jobs". Il dato più allarmante del report targato WeForum è rappresentato dall'allarme sul numero di posti che i robot potrebbero "mangiarsi" nell'arco di pochi anni: addirittura cinque milioni solo nelle prime quindici economie del pianeta, Italia inclusa.
In realtà, i posti di lavoro destinati a essere "bruciati" sono oltre sette milioni, in maggioranza nel settore amministrativo, dov'è previsto che le macchine intelligenti si faranno carico dei compiti di routine. Ma più di due milioni sarebbero recuperati in alcuni lavori qualificati, soprattutto nel settore della programmazione, gestione e manutenzione del sempre più dilagante e pervasivo mondo informatico. Nel nostro Paese, in particolare, l'occupazione nel digitale presenta molti vuoti che, si spera, potranno, e dovranno, essere colmati nei prossimi anni. L'Eurostat ha appena certificato che l'Italia è tra gli ultimi Paesi europei per quanto riguarda l'incidenza sul totale dell'occupazione di lavoratori esperti in informatica e telecomunicazioni. Alla fine del 2014, a fronte di una media nell'Ue del 3,7%, l'Italia si è fermata al 2,5%. Dietro il nostro Paese solo Cipro, Lettonia, Bulgaria, Lituania e Grecia. Sul podio, invece, Finlandia (6,7%), Svezia (6%) e Lussemburgo (5,1%). Tra il 2011 e il 2015 la quota di occupati tecnologici italiani è salita dello 0,2% contro una media europea del +0,5%, il +0,1% di crescita del Regno Unito (che, però, nel complesso arriva al 4,9%), il +1,1% della Germania (al 3,7%), il +0,7% della Francia (al 3,5%) il +0,4% della Spagna (al 3,1%). Quando la proiezione si allunga, esiste il rischio di passare nella futurologia. E' il caso delle previsioni a dieci/venti anni del Bureau of Labor Statistics (Bls) del Dipartimento Lavoro della Casa Bianca. Ma proprio un futurologo – il britannico Ian Pearson, autore del fortunato libro "You Tomorrow" – ha tenuto a precisare che «c'è assoluto bisogno di competenze umane e molti mestieri tradizionali rimarranno». Magari adattati, ma rimarranno. Lo conferma appunto la ricerca dal Bls. Ne emerge che, per le produzioni su misura, gli spazi sono destinati ad allargarsi. La crescita dell'aspettativa della vita media (prevista per 85 anni nel 2040) aumenta l'incidenza sull'occupazione della cura alla persona. Tra i nuovi mestieri, ritenuti in grande spolvero da qui a dieci/venti anni, due sembrano accomunare innovazione e manualità artigianale: il "body part maker", per produrre in laboratorio membra o tessuti necessari a ricostruire parti del corpo umano, e il costruttore di micro-impianti di monitoraggio della salute o di auto-medicazione del malato. Un ruolo importante è riconosciuto alle due ruote: costruttore di biciclette artigianali, adattatore, personalizzatore, riparatore. In ascesa anche la filiera delle stampanti 3D (e tra poco 4D) che utilizzano materiali plastici "sparati" dal laser per costruire oggetti, ma anche macchinari, secondo il proprio gusto o le proprie necessità. Non manca, tutt'altro, lo spazio per attività artigianali classiche. Prima di tutto, l'intera filiera della manutenzione (in onore alla filosofia del ri-uso, anche per motivi economici) e del tagliato-su-misura, nell'abbigliamento, ma non solo. Ma la proiezione del Bls prevede un futuro roseo anche per idraulici ed elettricisti. Meglio se digitali, in grado di predisporre, controllare, manutenere anche i sempre più sofisticati impianti moderni.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
La balanced scorecard
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
«Basta pagamenti in ritardo», Bruxelles richiama l'Italia
Banche, la via crucis del credito: la rete di errori da Mps...
Dove volano le medie imprese. Le "tedesche" d'Italia sono...
Specialisti nelle misure antiriciclaggio la figura più...
Busta paga più ricca, il "mito" della laurea supera la prova...
Ogni giorno nascono 4 start up tech
La volatilità delle Borse e i dubbi delle matricole
Revisori legali, continua il braccio di ferro
Superstipendi dei manager: gli azionisti vogliono una stretta
Banche, un consigliere su quattro non è in regola
Cfo, la sfida tecnologica sui big data
Proteggere il risparmio dovere della democrazia
Per i revisori legali l'obbligo della informativa non...
I dirigenti senza lavoro sono 10 mila e le Pmi continuano...
Egon Zehnder: «Ai manager italiani manca la capacità di...
Artigiani e partite Iva una poltrona per due e con i mini...
Tribunali, affari e cronache rosa: ecco cosa resta dei...
Troppi pregiudizi, resta difficile assumere dirigenti "diversi"
Poste, il risparmio tradito da quattro fondi immobiliari
La banca non risponde
Risk management, le aziende si attrezzano
Cessione degli Npl, nel 2016 una pipeline da record
Carige, dopo l'apertura della Bce si va verso la banca del...
I professional italiani più deboli di quelli europei
E' giusto che lo Stato salvi Mps
Droni, trattori senza pilota e software: l'agricoltura 4.0...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Banche europee, con Basilea 4 rischio di aumenti di...
Da Goldman a Morgan Stanley, tra affari e politica il...
Factoring al galoppo, il business si avvicina a quota 100...
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
Addio ai vecchi studi di settore. Arrivano i voti ai...
«La priorità delle banche? Tutelare il risparmio degli italiani»
Banche contro «Basilea 4»: stop o taglio ai prestiti
Il sistema banche regge il colpo ma il piano di unione è...
I costi della pubblicità possono essere iscritti nel bilancio
Revisione legale, la chance del controllo di qualità
Imprese, l'arte di gestire il cambiamento
Sospendere il bail-in perché alimenta il rischio sistemico
Titoli spazzatura, non è finita la grande truffa del rating
Professionisti a rischio bancarotta
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2017  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)