Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Accenture: «Il capitale umano è la vera risorsa dell'Italia»
di Luigi Dell'Olio
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 9 ottobre 2017

«Se ragioniamo di industria 4.0 focalizzandoci solo sulle tecnologie non cogliamo in pieno il valore del passaggio che stiamo vivendo. Siamo alle prese con una una trasformazione profonda e a fare la differenza è soprattutto la qualità del capitale umano». Fabio Benasso, presidente e ad di Accenture Italia, ha una posizione che a prima vista potrebbe apparire sorprendente, dato che la multinazionale della consulenza ha un focus proprio sulla tecnologia. Ed è in quest'ambito che il manager fa valere le sue espertise come vice presidente di Assolombarda e presidente Area tecnologie innovative in Assinform.
A che punto è l'Italia nel passaggio verso l'industria 4.0?
«È più opportuno parlare di impresa 4.0, dato che il digitale sta diventando terreno comune di innovazione non solo per la manifattura, bensì per tutti i settori. Nella competizione globale il nostro Paese ha un asset importante da far valere: la qualità del capitale umano. Ogni anno in Accenture Italia assumiamo centinaia di persone e giriamo per le aziende: abbiamo un'impressione molto positiva sulle qualità delle persone».
Eppure le ultime rilevazioni di Eurostat dicono che non solo l'Italia fatica a tenere il passo della produttività rispetto ai partner europei, ma è addirittura in declino.
«Rispetto ad altre economie, quella italiana è composta da poche grandi aziende altamente competitive sui mercati internazionale e da una miriade di piccole realtà. Un sistema molto diverso ad esempio da Francia e Germania e questo incide sui confronti internazionali».
Allora il ritardo è colpa degli imprenditori? In fondo c'è ancora parecchia diffidenza verso la capacità delle tecnologie di far entrare le aziende in una nuova era...
«Lo scenario è in evoluzione e gli investimenti delle piccole realtà su questo versante sono in crescita. Però è bene che non si attribuiscano a soluzioni come il cloud, l'internet of things o l'intelligenza artificiale poteri che non hanno».
In che senso?
«Non siamo di fronte a tecnologie di per sé stesse trasformative. Si tratta di soluzioni che possono migliorare il business e le nostre vite se vengono modellate in modo da poter far valere appieno il loro potenziale. E questa è un'attività che spetta alle persone: ecco perché mai come oggi è il capitale umano quello che davvero può fare la differenza. Occorre uno sforzo condiviso per promuovere il tema delle competenze. Questa è la grande sfida che abbiamo davanti».
A questo proposito, nei giorni scorsi l'Ocse ha sentenziato: "In Italia ci sono pochi laureati scientifici". Come se ne esce?
«Se per giovani si riferisce ai millennials, sono probabilmente i più pronti a cogliere le sfide dell'era 4.0 e della formazione continua. L'evoluzione tecnologica impone la necessità di riqualificare soprattutto chi non è nativo digitale e rischia di essere marginalizzato. L'innovazione digitale non ha bisogno solo di informatici, statistici e matematici, ma anche di persone dotate di soft skill molto spiccate, con una buona dote di creatività e di adattamento alle esigenze del mercato. Ecco perché è fondamentale che si investa sulle competenze per dare una spinta al business».
Il diffuso tessuto di Pmi che caratterizza l'economia italiana spesso non ha grandi risorse per investire sul lungo termine...
«Certo, una piccola azienda ha budget limitati per innovare, ma se collabora con altre realtà che hanno esigenze simili, se valorizza l'ecosistema di partner, fornitori e clienti di cui fa parte, se accetta di aprirsi al mondo della ricerca, può farcela. Peraltro oggi ci sono software che consentono di stimare quanto un investimento in formazione possa restituire in termini di business. Ridisegnare l'azienda alla luce delle esigenze di mercato significa ridurre gli sprechi, liberare risorse da investire nel nuovo».
Molti imprenditori sono restii a fare rete per il timore di passare informazioni alla concorrenza...
«Non è la tecnologia a rendere vincente un business, ma la capacità di usarla come leva per valorizzare le competenze che già esistono in azienda. Le realtà che mettono a fattor comune alcuni processi, che creano piattaforme di sviluppo dei processi, ma senza rinunciare alla propria identità, sono quelle che ottengono i risultati migliori».
Quali sono i filoni sui quali puntate di più?
«Il processo di trasformazione del quale le ho fin qui parlato lo mettiamo in pratica al nostro interno. Oggi il 60% delle persone di Accenture Italia è impegnato sul business digitale, mentre tre anni fa eravamo a una quota marginale. Eppure in questo lasso di tempo il personale è passato da 9mila a 12mila unità, segno che non è l'innovazione a distruggere il lavoro, ma l'incapacità di cavalcarla. Quanto al rapporto con i clienti, il nostro impegno principale è nell'accompagnarli nella rivoluzione digitale. Non abbiamo tecnologie proprietarie da vendere, ma offriamo soluzioni che integrano l'innovazione nelle aziende per fare emergere nuovo valore».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Juve, Roma, Udinese, Sassuolo: la guerra all'ultimo stadio...
Crisi aziendali, da gennaio si cambia: ecco le nuove...
«Lobby medioevali vogliono l'oligopolio, ma una soluzone...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
Se le riunioni sono lunghe o inutili: così le aziende tagliano...
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Bancarotta, estesa la non punibilità
Commercialisti, la svolta
Pagamenti, la rivoluzione nel portafoglio: Apple e Google...
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
Revisori legali, più tempo per ottenere i crediti formativi
«Rotto l'equilibrio sociale, la finanza non basta più...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
I cigni neri che hanno cambiato il mondo della finanza
Quando in banca c'è conflitto di interesse
Oltre 15 anni dall'ultima «promozione». Perché le agenzie...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Banche italiane più sicure: la classifica
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Come nascondere i soldi in banca
Terzo settore, riforma in 42 passi
Le incognite che vede la Bce
Una valanga di ricorsi sull'arbitro finanziario
Atlante, la fase 3 parte con Cerved. Sfiderà la Sga...
L'Internet delle cose è un vero boom, nel 2017 varrà 800...
Ombra, balconi e bandiere: l'Italia nella rete del Fisco inutile
Banche in ritirata, più mediatori un ponte per accedere al...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La santa alleanza per industria 4.0, più competitività meno...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)